HOME - Approfondimenti
 
 
26 Giugno 2023

Formazione Ecm: ecco le possibili novità

In attesa della prima riunione della Commissione al convegno Cogeaps si sono ipotizzate le novità su formazione e crediti ECM


Nell'educazione continua i crediti dovranno essere più accessibili, magari, ma più sudati. Bisognerà dimostrare l'apprendimento, che però potrà avvenire anche sul lavoro attraverso momenti di audit e formazione sul campo, e saperlo mettere in opera. Inoltre, bisognerà conoscere meglio le tecnologie digitali e la telemedicina, come chiede il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Infine, si dovrà studiare di più in tema di prevenzione.  

Alla vigilia dell'insediamento della nuova Commissione nazionale per la formazione continua, ai primi di luglio, si ridisegna l'identikit delle regole per l'aggiornamento degli operatori sanitari per il triennio 2023-25. A Roma, nell'incontro su prospettive e sfide dell'Ecm a cura del Cogeaps (il Consorzio anagrafica professioni sanitarie che, gestito da tutti gli ordini, conteggia i crediti formativi) e dell'Agenas (braccio del ministero della Salute), si delinea la missione della nuova Commissione: definire i crediti per il triennio 2023-25 e far sì che le nozioni acquisite dai camici bianchi si trasformino nelle migliori prestazioni professionali rese al cittadino, misurabili con indicatori certi. Una missione per la quale si renderà opportuno misurare sul lavoro di ogni professionista gli outcome della formazione ricevuta. È il Ministro della Salute Orazio Schillaci, presente con il Ministro dell'Università Anna Maria Bernini, ad annunciare il prossimo insediamento della Commissione. Ma è la Direttrice generale delle Professioni sanitarie e risorse umane del Ministero Mariella Mainolfi a illustrare cosa farà la "CNFC".

Mainolfi spiega che la pandemia ha posto la digitalizzazione al centro dell'aggiornamento degli operatori sanitari sia come strumento di apprendimento (la formazione a distanza ha vissuto un boom) sia come contenuto. Conferma Lorena Martini Direttrice Formazione Agenas: prima della pandemia i corsi su temi d'informatica riguardavano il dialogo con la Pubblica amministrazione, la cartella elettronica, il fascicolo sanitario. Dal 2020 è protagonista la telemedicina grazie alla quale sono stati seguiti pazienti Covid a casa. “Ma per costruire un DNA delle competenze digitali degli operatori sanitari occorre abbandonare l'attuale sistema di formazione verticale (un sistema ECM per ogni categoria professionale, ndr) e sviluppare un approccio trasversale tra professionisti”. Inoltre, come spiega Mainolfi, “ci si rende conto di dover valorizzare pure la formazione sul campo fornendo contenuti in linea con l'attività svolta”. E qui entra in scena il Ministro Schillaci: “Per il personale del servizio sanitario (inclusi gli operatori sociosanitari) serve una formazione dinamica in grado di intercettare i cambiamenti tecnologici. Nel contempo, si fa largo l'idea di rivedere le procedure per acquisire crediti Ecm”. Qualcosa è stato fatto. “Abbiamo esteso al 31 dicembre 2023 il termine per acquisire crediti non maturati nel triennio 2020-22 dai sanitari impiegati in prima linea contro il Covid. Abbiamo inoltre previsto la possibilità di recuperare i crediti non acquisiti nel triennio 2017-19. Infine, in Emilia-Romagna nelle zone colpite dall'alluvione i crediti di questo triennio 2023-25 si intendono maturati per un terzo per chi ha continuato a lavorare. Sempre questo triennio in corso però è cruciale per sviluppare nel personale del servizio sanitario competenze digitali e manageriali”.  

Schillaci cita intelligenza artificiale, medicina personalizzata, potenzialità del fascicolo sanitario. E aggiunge che i programmi devono includere la prevenzione ed il controllo delle infezioni umane ed animali. Sulle resistenze batteriche parte un corso per 296 dipendenti SSN; e parte un programma per medici di famiglia, pronto soccorso, emergenza, pediatri ed infermieri sul piano antinfluenzale.

La nuova Ecm sarà edificata senza mettere da parte quanto fatto finora, sottolinea il presidente Cogeaps Roberto Monaco. “Nell'ultimo triennio il Consorzio ha censito 162 milioni di ore di formazione continua, malgrado la pandemia. Per il futuro proporremo di porgere una formazione sul campo che lasci spazi alle simulazioni, utilizzando anche realtà virtuale e metaverso”.  

La nuova Commissione appena insediata dettaglierà le modalità di acquisizione dei crediti compensativi che possono essere maturati da quest'anno per i professionisti che nei trienni precedenti erano al di sotto del fabbisogno. Altre modifiche ai crediti sono già state deliberate nel 2022 e decorrono dal 1° gennaio 2023: Monaco ricorda, ad esempio, che relatori e docenti Fad, fin qui potevano prendere un credito con mezz'ora minimo di lezione, ma molte relazioni durano 20 minuti; da quest'anno 20 minuti fanno un credito ed una relazione di un'ora vale 3 crediti Ecm. Il tutor ora ha un credito per ogni mezz'ora di coinvolgimento e non per ogni ora. Il responsabile scientifico del corso con ruolo di supporto ai discenti, che prima non totalizzava crediti, ottiene il 20% dei crediti totali dell'evento residenziale o a distanza. Il tutor d'aula degli eventi residenziali accede ad un credito/ora anziché mezzo, nella Fad il tutor può avere fino a 5 crediti al mese e totalizzare fino ad un massimo di 30 crediti ad evento; al moderatore va un credito per ogni sessione moderata. Nel 20% dell'ECM ottenibile con l'autoformazione produce crediti la lettura di articoli scientifici di valore, e sono accreditati tutti gli autori di articoli scientifici dalla prima all'ultima firma.  

In tutto questo, come rileva nella tavola rotonda dei rappresentanti degli Ordini Giovanni Zorgno per i farmacisti Fofi, le sanzioni deontologiche per chi non si aggiorna e l'impossibilità di accedere a polizze assicurative per chi ha meno del 70% del fabbisogno crediti, di fatto continuano a incentivare il professionista a puntare sulla quantità dei crediti, a racimolarli ovunque capiti. Per invertire la rotta può servire la formazione sul campo, ma sarebbe ancor più coerente modificare le disposizioni di legge. 

A cura di: Doctor33

Articoli correlati

La Commissione Nazionale Formazione Continua ha approvato il Programma Nazionale Ecm 2023/2025. Obiettivo è definire formazione sul campo, tipologie di formazione ibride e blended


Il Corso FAD ECM di EDRA si propone di fornire agli odontoiatri giovani e senior gli strumenti per affrontare la delicata fase della transizione


Ecco a chi interessa la scadenza di fine anno ed i chiarimenti in merito alla copertura assicurativa. Da un sondaggio EDRA solo l’11% degli Odontoiatri devono ancora recuperare crediti


FNOMCeO attivato anche per questo triennio formativo il Dossier di Gruppo. Le macro aree e come attivarlo e completarlo


Per chi è in pensione ma continua a lavorare conta il reddito annuo. Obbligatorio indicare nel portale CoGeAPS se si continua a lavorare per non rischiare di perdere la copertura assicurativa


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


Dubbi sulla data della scadenza dell’invio delle spese del primo semestre 2024. Non collimano le date contenute nel Decreto con quelle indicate sulla guida pubblicata sul sito del StS


Per il Garante della Privacy violata la privacy, lo studio dovrà pagare una sanzione di 8mila euro. Ecco come comportarsi per le immagini di pazienti pubblicate sul sito dello...


Il Parlamento europeo approva una serie di emendamenti che modificano il regolamento sull’utilizo dell’amalgama individuando uno stop nel 2025 ma con deroghe


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi