HOME - Cronaca
 
 
21 Giugno 2022

L’11° Congresso Internazionale AIO a Chia dedicato alle donne: un successo

L’appuntamento è per il 2023 sempre in Sardegna, ma ad ottobre a Roma per il Congresso Nazionale, quello AIO Academy e la prima volta di AIO Expò 


Cinquecento presenze tra dentisti, studenti, odontotecnici assistenti e igienisti, quasi 200 le presenze straniere da ogni parte del mondo, settanta relatori, cinquanta ospiti, cento fra operatori del settore e staff.  Sono questi i numeri dell’11° Congresso Internazionale AIO che si è svolto a Chia, dal 9 all’11 giugno scorso.Organizzato da AIO Cagliari Oristano, il Congresso ha toccato un argomento nuovo: la parità raggiunta tra uomini e donne nella rappresentanza odontoiatrica. Tra gli studenti dei corsi di laurea ormai è parità assoluta e in alcuni casi si parla di sorpasso; tra i laureati due anni fa le donne erano il 40% del totale; nei ruoli di vertice si iniziano a vedere i primi incarichi, ma troppo pochi, e le ricercatrici destinatarie dell’attribuzione dei fondi sono solo il 30%. restano passi ancora da fare. (Si veda il nostro approfondimento sui dati presentati)

E il Congresso si è regolato di conseguenza, ospitando lo stesso numero di relatori e relatrici, ed attribuendo “par condicio” nel minutaggio delle relazioni in tutte le discipline. 

Di “gender shift in dentistry” si è parlato cerimonia inaugurale, aperta da contributi della Presidente della World Dental Federation Imane Ben Yahya e della fondatrice del Washington Institute of Dentistry Claudia Cotca e del ricercatore canadese Ken Serota. 

L’11° Congresso Internazionale AIO è però stato innanzi tutto un evento culturale, con quattro percorsi di formazione continua ECM: l’azzurro di ortodonzia da 14 crediti (protagonisti tra gli altri Renato CocconiAnna MarinielloBedros Yavru Sakuk dell’Academy of Dentistry International ed una importante rappresentanza italiana per pedodonzia guidata da Maurizio Bossù); il verde di conservativa da 18 crediti, aperto dalla sessione comune tra AIO ed AIC; il rosso di perioprotesi da 18 crediti ECM (tra i nomi Ignazio LoiMario SemenzaDirk DuddeckMarco Ferrari del Consiglio superiore di Sanità) e Kianor Shah creatore del Global Summit. Per i percorsi di conservativa e perioprotesi il venerdì pomeriggio c’è stata la conclusione in plenaria con una sessione internazionale che ha visto protagonisti tra gli altri l’ucraina Helena Chergava, il peruviano Victor Guerrero

Infine, il pre congresso di endodonzia, 9 crediti, moderato dalla Presidente del Corso di Odontoiatria di Cagliari Elisabetta Cotti, e quelli di Giovanni OliviJosette Camilleri Denise PontorieroKym Syncuk. In parallelo, si è tenuto il 3° Congresso Nazionale della Digital Dentistry Society con gli interventi di Carlo Mangano (Università San Raffaele Milano), Giuseppe Luongo (Napoli), Ioana Datcu e Reinhilde Jacobs sulle sfide dell’intelligenza artificiale e della radiomica. 

Altra “chicca”, il corso di fotografia che ha ospitato gli interventi di Louis Hardan (Beirut) e Milos Miladinov. Ed il corso di certificazione laser. Un cenno a parte va ai corsi pratici pre-congressuali di chirurgia, faccette, endodonzia, sedazione, ed ai quattro corsi del venerdì sul flusso digitale. Praticamente un solo congresso ha ospitato 20 eventi culturali per odontoiatri. 

Ma non si possono trascurare la sessione del sabato per gli Igienisti Dentali – tra i protagonisti Gianna Maria Nardi e Marzia Segu Past President della Società Italiana di Odontoiatria nella Medicina del Sonno e già Segretario culturale AIO – le relazioni accreditate per gli Odontotecnici, l’evento collaterale per Assistenti di Studio. 

In chiusura, la sessione plenaria del sabato con gli interventi di Vincenzo Musella attuale Segretario Culturale Nazionale AIO, di Preetinder Singh, ambasciatore dell’Academy of Oral Surgery statunitense e i contributi conclusivi della californiana Emily Letran e di Chiara Jasna Niciforovic, questi ultimi dedicati alla comunicazione per lo studio ed al marketing etico. 

Ma non è tutto.

Superiore al passato è stata l’attenzione ai giovanissimi testimoniata dal concorso che ha premiato il miglior poster, vinto da Mara Pinna, specializzanda dell’Università di Cagliari ed autrice di un contributo per patologia; altri vincitori, Alessia Sicignano (Firenze) per ortognatodonzia, Raffaele Donati (Firenze) per implantologia, Michele Serri (Siena) per conservativa. Nel corso della manifestazione sono stati inoltre assegnati crediti ADA Cerp validi oltreoceano: se ne potevano totalizzare fino a 33. Sono stati consegnati più di 50 attestati a discenti statunitensi, canadesi e dei paesi dell’Est Europa dove i crediti dell’American Dental Association sono accettati. 

Ma non è finita. Il Centro Congressi di Chia ha ospitato infine il venerdì una riunione del Direttivo della Commissione Albo Odontoiatri Nazionale. Ed una parte extra congressuale di tutto rispetto, con una lotteria che ha messo in palio due notti a Chia più l’iscrizione al prossimo congresso; con l’esibizione del Mediterranean Trio di Gavino Murgia, sassofonista jazz con un repertorio inclusivo delle profonde radici musicali sarde; e con le cene sociali di gala del venerdì e sarda comprensiva di party finale al sabato. 

Da Enrico Lai, del comitato organizzatore, e da AIO il più sentito ringraziamento agli sponsor, una cinquantina, allo staff coordinato e alla collaudata segreteria che ha permesso un funzionale allestimento delle sale. 

Il presidente AIO Fausto Fiorile, ha annunciato il prossimo Congresso internazionale AIO sempre a Chia dall’8 al 10 giugno 2023 anticipando che dal 2025 l’evento – che si è sempre svolto negli anni dispari in quanto biennale ma dal 2021 era slittato a quest’anno causa Covid – diverrà itinerante e cambierà sede ad ogni edizione.  Cadenza biennale, conclude Fiorile, “avrà anche il Congresso Nazionale AIO che quest’anno si tiene regolarmente, ad ottobre, dal 27 al 29, nella sua 30ma edizione. Insieme, si svolgerà il 2° Congresso AIO Academy, e a tutto questo farà da cornice la nuovissima manifestazione AIO Expò”.

In merito all’importante evento autunnale in programma a Roma, Villa Pamphili, il Segretario Culturale Nazionale Vincenzo Musella ribadisce l’importanza che ha per l’Associazione la parola “partecipazione”. “Se nel Congresso Internazionale affrontiamo il rapido cambiamento della rappresentanza di genere nella Professione odontoiatrica, nel Congresso Nazionale-AIO Academy è di scena il ricambio generazionale negli Studi. Comune denominatore dei due appuntamenti, il mix vincente di relatori: docenti accademici, maestri italiani e stranieri cui, in occasione del 2° Congresso AIO Academy, si aggiunge l’eccellenza delle ‘promesse’ della nostra Professione” ha concluso il presidente Fiorile. 

A cura di: Ufficio Stampa AIO  

Articoli correlati

Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


Premiato il progetto presentato dalla presidente del COI-AIOG Maria Grazia Cannarozzo sull’efficacia di un gel a base di acido 5-aminolevulinico anche per la cura del tumore del cavo orale


Cambio al vertice dell’Unione Nazionale delle Industrie Dentarie Italiane nel segno della continuità


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi