HOME - Endodonzia
 
 
03 Giugno 2015

Otturazione retrograda endodontica. Un nuovo materiale promette ottime capacità di riparare i difetti ossei a contatto

di Lara Figini


Quando un trattamento endodontico convenzionale presenta un fallimento, anche dopo tentativi di ritrattamento , oppure vi è l'impossibilità di eseguire un ritrattamento, si ricorre alla chirurgia endodontica retrograda che consiste in un intervento chirurgico che ha come scopo quello di eliminare l'apice della radice interessata (apicectomia) e di sigillare il canale così esposto (otturazione retrograda).

Un buon cemento da otturazione retrograda deve avere però adeguate proprietà fisico-chimiche ed essere in grado di stimolare la riparazione della zona interessata (Parirokh et al.2010).

Attualmente i materiali disponibili per eseguire l'otturazione retrograda sono numerosi:

  • Amalgama
  • IRM
  • Super EBA
  • Gli adesivi dentinali
  • Gerestore
  • Mineral Trioxide Aggregate (MTA)

Sui suddetti materiali è stata scritta tantissima letteratura.

L'amalgama e l'IRM sono stati usati per molti anni in passato ma sono ormai stati abbandonati in quanto hanno dimostrato a distanza di anni la maggior percentuale di infiltrazione.

Il Super EBA si è dimostrato per anni un ottimo materiale da otturazione retrograda soprattutto per le sue alte capacità sigillanti. Tuttavia, alcuni studi recenti hanno espresso delle riserve sul Super EBA, in quanto questo sembra avere una continua perdita dimensionale (Kazemi e coll.). Il maggiore svantaggio del Super EBA risiede nella sua sensibilità alla tecnica d'uso e risulta imprevedibile per quanto riguarda il suo tempo di indurimento.

Il Gerestore è un composito vetroionomerico facile da usare e comporta numerosi vantaggi: ha una buona scorrevolezza, è auto- e foto-polimerizzabile, aderisce automaticamente alla dentina ed è supportato da numerosi articoli che dimostrano la sua biocompatibilità rispetto ai tessuti circostanti (Dragoo, Andreasen).

Più recentemente un altro materiale è diventato molto diffuso ed è stato usato ampiamente da molti autori: il Mineral Trioxide Aggregate (MTA). L'MTA è essenzialmente il "cemento di Portland" e si comporta in maniera molto simile ad esso.
Con l'aggiunta di acqua, il processo di idratazione del cemento inizia, causando la formazione di un gel di silice idratata .

Durante il processo di idratazione dell' MTA, il disilicato di calcio e trisilicato presenti nella formulazione del cemento reagiscono per formare un gel di idrossido di calcio e silicato di calcio idratato, che a sua volta rende il mezzo altamente alcalino . Tuttavia l'MTA ha alcune proprietà negative che devono essere prese in considerazione, come ad esempio la scarsa maneggevolezza ,bassa resistenza alla compressione , elevata velocità di colorazione della struttura dentale , elevata solubilità in ambiente umido, la presenza e il rilascio di arsenico con superamento dei limiti di sicurezza proposti dalla norma ISO 9917-1 standard , tempo di presa lungo. Queste caratteristiche giustificano lo sviluppo di nuovi cementi che incorporano le eccellenti proprietà biologiche di MTA con un materiale che è facile da manipolare ed applicare e ha un'adeguata resistenza meccanica . Così, un nuovo cemento endodontico a base di alluminato di calcio chiamato EndoBinder (Binderware, São Carlos, SP, Brazil) è stato sviluppato presso l'Università Federale di São Carlos (UFSCar-Brasil, numero di brevetto PI0704502-6), con lo scopo di preservare le eccellenti caratteristiche e le applicazioni cliniche dell' MTA, eliminandone le sue caratteristiche negative. In generale, la formazione di EndoBinder si basa sulla seguente reazione chimica: CaCO3 + Al2O3 = Ca (ALO2) 2 + CO2. Alla fine del processo lo ZnO (20%) viene aggiunto per assicurare radiopacità sufficiente per il cemento , come descritto dalla normativa ISO 6876-7,8 standard .

Ma quale di questi materiale ha la miglior capacità di riparare i difetti ossei degli elementi dentari sottoposti a chirurgia retrograda endodontica?

Un recentissimo studio in vitro pubblicato sul Journal of Endodontics di giugno 2015 ha messo a confronto MTA, EndoBinder e idrossido di calcio proprio per la loro capacità di riparare i difetti ossei. Dopo la miscelazione, i cementi sono stati inseriti in difetti ossei ( di 3,3 mm) creati meccanicamente nelle tibie sinistre e destre di 30 ratti. Nel gruppo di controllo, i difetti ossei sono stati riempiti con coagulo di sangue dell'animale stesso. Dopo i seguenti intervalli di tempo di 7, 30, e 90 giorni, sono state condotte biopsie di tessuto osseo (n = 5) e sottoposte al trattamento in laboratorio. La risposta del tessuto osseo in contatto con i materiali è stato analizzato al microscopio. È stata determinata mediante planimetria sovrapposta all'immagine istologica. la percentuale di tessuto osseo neoformatosi nel difetto. I risultati di laboratorio ottenuti dagli autori sono stati i seguenti:

un significativo aumento della percentuale di tessuto osseo neoformato è stato osservato durante i diversi periodi sperimentali in tutti i gruppi (P <.05). Per i cementi EndoBinder e MTA (30 e 90 giorni), questi valori percentuali si sono dimostrati statisticamente superiori a quelli del gruppo di controllo (P <.05); tuttavia, erano simili a quelle di idrossido di calcio (P> .05). L' EndoBinder e l' MTA possono garantire praticamente una completa riparazione dei difetti ossei creati nelle tibie dei ratti.

Sulla base dei dati scientifici ottenuti in questo studio, è possibile concludere che l'EndoBinder può essere considerato un'opzione promettente come cemento da otturazione retrograda e per il trattamento delle radici e delle perforazioni . Tuttavia, va sottolineato che le altre proprietà biologiche e chimico-fisiche di questo nuovo cemento devono essere testate prima della convalida come opzione di trattamento sicuro nell'uomo.

A cura di: Laura Figini, Coordinatrice scientifica Odontoiatria33

Bibliografia:

- M. Parirokh, M. Torabinejad: Mineral trioxide aggregate: a comprehensive literature review—part I: chemical, physical, and antibacterial properties. J Endod, 36 (2010), pp. 16-27

- Lucas da Fonseca Roberti Garcia, Claudia Huck, Cassio Rocha Scardueli, Carlos Alberto de Souza Costa: Repair of Bone Defects Filled with New Calcium Aluminate Cement (EndoBinder). Journal of Endodontics Volume 41, Issue 6, June 2015, Pages 864-870

Articoli correlati

Immagine di repertorio

Lo studio in vitro indaga la forza di legame microtensile (μTBS) alla dentina nelle cavità di Classe I utilizzando diverse tecniche di stratificazione del materiale composito,...

di Lara Figini


Come riconoscere la presenza di diverse condizioni cliniche grazie all’attenta analisi della superficie dentale del paziente


Nella restaurativa diretta, prevalentemente per il trattamento del settore frontale, recentemente è stata introdotta una nuova metodica: La Injection Molding Technique, che...

di Dino Re


Immagine di repertorio

Tassi di successo e di sopravvivenza delle corone singole in metallo-ceramica a confronto con quelli dei restauri in resina composita applicati su denti devitalizzati con perni in...

di Lara Figini


Procedure e tecniche operative per preservare la vitalità pulpare nel libro EDRA di Lucio Daniele, Nicola Sibilla e Lorenzo Daniele


agora-del-lunedi     13 Novembre 2023

La vita della Zirconia

Per il prof. Gagliani è il migliore materiale da restauro per fronteggiare la colonizzazione batterica, ma qualche considerazione la fa sulla ricerca e la sperimentazione

di Massimo Gagliani


La revisione analizza gli studi disponibili sul processo di preriscaldamento e i suoi effetti sulle proprietà fisico-chimiche dei compositi

di Lara Figini


Un tempo era la protesi mobile a garantire un rapporto efficienza masticatoria/costo alla portata dei più. Il prof. Gagliani ricorda come oggi, le tecniche digitali consentono la realizzazione di...

di Massimo Gagliani


Per il prof. Gagliani grazie al digitale siamo all’alba di una nuova era ma questo percorso porterà a un traguardo che ci darà un quotidiano eccellente al posto di un eccellente quotidiano

di Massimo Gagliani


prodotti     07 Febbraio 2023

All in one - one for all

Nuovi biomateriali osteoconduttivi sintetici, performanti, duttili, sicuri, pratici, economici, risolutivi e utili per ogni necessità


O33ricerca     16 Gennaio 2024

Le cellule staminali in odontoiatria

Lo studio illustra i dati provenienti da ricerche e analisi comparative di letteratura sull'identificazione e la caratterizzazione delle cellule staminali a livello della cavità...

di Lara Figini


Parla del ruolo dell’Università e della ricerca il prof. Gagliani nel suo Agorà del Lunedì citando una ricerca che ha valutato gli effetti -positiva- dell’interazione tra le esperienze dei...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi