HOME - Interviste
 
 
14 Luglio 2016

ENPAM possibile fusione con ENPAV e ENPAP, il MEF ci sta pensando. Malagnino: non è la strada giusta


L'obiettivo è quello di avere delle Casse previdenziali più efficienti, trasparenti e ben gestite e per favorirlo, il Ministero dell'Economia e delle Finanze insieme a quelli di Lavoro e Giustizia stanno ipotizzando una fusione tra ENPAM, ENPAV (l'Ente previdenziale dei veterinarie) e l'ENPAP, quello degli psicologi. Fonti di stampa indicano in mercoledì 20 luglio una riunione con i funzionari ministeriali e le Casse previdenziali per ipotizzare scenari e strategie.

Il periodo di profondi mutamenti nel settore odontoiatrico, e più in generale in quello medico, sta condizionando anche i piani degli Enti previdenziali come ENPAM: tra questi l'incremento delle società i cui guadagni sfuggono alla contribuzione presidenziale e la crisi che riduce i redditi dei professionisti in particolare dei giovani.

Il Vice Presidente Vicario ENPAM Giampiero Malagnino (nella foto) da anni è un sostenitore della necessità di allargare la platea dei professionisti che versano i contributi previdenziali ad ENPAM e questo per garantire equilibri pensionistici e generazionali.

"Gli studi attuariali sui quali si basano le previsioni delle Casse -spiega ad Odontoaitria33 il vicepresidente Malagnino- prevedono che tutto il monte dei fatturati, ed in particolare dei redditi netti, abbiano un prelievo previdenziale in modo che i versamenti dei professionisti attivi servano, in parte a pagare le pensioni e in parte vadano a costruire il patrimonio della Fondazione. Patrimonio che è garanzia delle pensioni future, ma che potrebbe non essere sufficiente senza le contribuzioni degli attivi futuri".

Un cambio degli scenari, come ad esempio quello dettato della scelta delle Regioni di favorire l'accreditamento delle società che esercitano professioni sanitarie invece del convenzionamento del singolo professionista. "Le società non hanno versato in quel fondo e, di conseguenza, l'equilibrio è saltato e quel fondo è in passivo", ricorda Malagnino.

L'ENPAM può pagare le pensioni a quella categoria grazie al fatto che all'Ente previdenziale versano anche i medici ed odontoiatri. "Fortunatamente dopo anni di battaglie in tribunale, la Cassazione ha dato ragione all'ENPAM e le società saranno costrette a versare il 2% del loro reddito", ricorda Malagnino che dice: "La stessa cosa potrebbe succedere al fondo della libera professione se le società di capitale, sottraendo lavoro alla libera professione, non verseranno ad ENPAM. In questo caso il danno sarà doppio: il singolo professionista che lavora in quelle strutture verserà di meno e, quindi, avrà una pensione più bassa e, secondo, l'equilibrio del fondo potrebbe essere compromesso".

Una mutualità all'interno dell'Ente che si sostiene se c'è un numero proporzionato di lavoratori che versano i contributi rispetto al numero di pensionati.

Sulle voci di possibili fusioni tra ENPAM ed altri Enti previdenziali Malagnino si dice scettico. "Si metterebbero insieme Casse e professionisti con regole e storia differenti, non credo che questo processo possa andare a vanti".

"Diverso è, invece, il ragionamento su una forma di collaborazione tra le casse che sviluppi sinergie sugli aspetti comuni e che le porti a lavorare meglio e a costi più bassi".

Vice Presidente che avanza anche alcuni esempi ricordando come una centrale unica di acquisti e appalti potrebbe ridurre le spese ed essere più efficiente. O come si ipotizzasse un assistenza allargata, che oggi manca ed è necessaria per i professionisti, potrebbe avere ottimi risultati se la platea fosse di un milione e mezzo piuttosto che di 400.000 professionisti.

Una sinergia tra le Casse che non è una novità ma che, ricorda, è un progetto concreto sul quale l'Adepp (l'Associazione delle Casse previdenziali presieduta dal presidente ENPAM Alberto Oliveti) sta portando avanti da tempo.

"Non voglio pensare -sottolinea Malagnino- che questa iniziativa del Governo, di cui in ogni caso non ho notizie se non quelle lette sulla stampa, fosse studiata esclusivamente o principalmente per "indirizzare" gli investimenti delle Casse". Malagnino che si riferisce alle voci che vedrebbero ENPAM ed ENASARCO intenzionate ad investire nel fondo Atlante (quello indicato in questi gironi come il "paracadute" per le banche) ricordando come, però, "i nostri investimenti debbono servire a garantire le pensioni degli iscritti e, quindi, debbono avere una prospettiva".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Si può fare solo on-line, attenzione alla sanzione. Ecco quanto e quando devono gli odontoiatri liberi professionisti devono versare per la Quota “A” e la Quota “B” 


Presentato il bando per i “bonus bebè”, punta a sostenere le spese necessarie ma anche a supportare l’attività lavorativa o di studio universitario. Domande fino al 4 ottobre


Per i professionisti viene confermata la necessità di attendere le indicazioni ministeriali. Per ora esclusi, invece, gli specializzandi


Potranno usufruirne i figli di medici ed odontoiatri liberi professionisti ed i figli di medici ed dentisti orfani. Oliveti: l’espressione della funzione di sostegno dell’ENPAM


Agevolazione è scaduta il 30 giugno. Una decisione governativa fanno notare dall’Ente di previdenza di medici e dentisti: attendiamo eventuali proroghe


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
chiudi