HOME - Parodontologia
 
 
18 Gennaio 2017

Il vaccino contro la malattia parodontale è più vicino, sarà sperimentato in Australia a partire dal 2018

di Adelmo Calatroni


Il primo vaccino al mondo contro una malattia gengivali grave come la parodontite cronica è stato annunciato dai ricercatori australiani dell'Università di Melbourne, che hanno pubblicato i loro risultati su NPJ Vaccines, rivista scientifica affiliata al gruppo Nature.

Eric C. Reynolds e i suoi colleghi ci stanno lavorando da 15 anni e i primi trial clinici sugli esseri umani potrebbero iniziare nel 2018.

La malattia parodontale di grado moderato o grave colpisce il 50% degli australiani di età superiore ai 65 anni, ma è diffusa in tutto il mondo; com'è noto distrugge il tessuto gengivale e l'osso che fa da supporto ai denti e si associa a malattie sistemiche come diabete, patologie cardiovascolari, artrite reumatoide, demenza e alcuni tipi di cancro.

La parodontite è causata dall'accumulo di certi ceppi batterici e il vaccino allo studio del team australiano è mirato al Porphyromonas gingivalis, l'agente patogeno che è ritenuto il principale responsabile della malattia, essendo in grado di alterare il normale equilibrio dei microrganismi presenti nel cavo orale. Reynolds è riuscito a individuare gli enzimi prodotti da questo batterio nei topi di laboratorio e ha pensato di stimolare la risposta immunitaria e la produzione di anticorpi specifici.

"Attualmente il trattamento della malattia parodontale avviene attraverso la pulizia professionale, - ricorda il professor Reynolds - a volte però non basta ed è necessario ricorrere alla chirurgia o prevedere una profilassi antibiotica. Questi metodi sono utili, ma in molti casi il batterio torna a stabilirsi nella placca dentale provocando uno squilibrio microbiologico tale da impedire la guarigione completa. La parodontite è molto diffusa e ha un alto potenziale distruttivo. Noi siamo molto fiduciosi che questo vaccino potrà migliorare la qualità della vita di milioni di persone".

Articoli correlati

SIdP: “Forbice enorme tra malattia gengivale e cure: 30 milioni di italiani ne avrebbero bisogno ma appena il 3% dichiara di ricevere terapie adeguate”


In uno studio clinico, pubblicato sul Journal of Periodontology, gli autori hanno condotto un confronto randomizzato, controllato, in doppio cieco tra il trattamento parodontale delle recessioni...

di Lara Figini


I dati di un sondaggio SIdP Key-Stone sull’evoluzione dello studio odontoiatrico in ambito di screening e di prevenzione delle malattie correlate alla parodontite


Case report del trattamento di grave ipertrofia gengivale da farmaci (fenitoina)


Dalla discussione sulle Linee guida europee sulla parodontite l’invito a curare i denti naturali e considerare l’implantologia l’estrema soluzione


Altri Articoli

Nel primo articolo abbiamo approfondito i vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza, in questo illustriamo una sua applicazione...


Il concorso di conservativa diretta, rivolto agli studenti che frequentano il V e VI anno dei corsi di laurea in odontoiatria, è organizzato a livello internazionale da Dentsply...


Sempre più dentisti decidono di continuare l'attività anche dopo la pensione. Ma è possibile farlo mantenendo la partita iva? Ecco come fare e cosa comporta 


Si è spento a 68 anni Bruno Noce, presidente CAO Rovigo. Ne dà notizia Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale


Bettina Dannewitz dà il benvenuto ai nostri lettori e li invita alla scoperta della pubblicazione dell'EFP JCP Digest. Albonetti (Edra): Una collaborazione in linea con la...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi