HOME - Approfondimenti
 
 
03 Settembre 2019

Parere CSS su medicina estetica e laureato in odontoiatria: il commento di AGORA’

La Società scientifica, soddisfatta del parere, si dice pronta ad attivare iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal CSS


La nostra società scientifica con il Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, ha partecipato con il proprio board medico e legale il 13 novembre 2018 all’audizione in seno al Consiglio Superiore di Sanità in merito alla richiesta di aggiornamento del parere dello stesso Consiglio Superiore di Sanità del 2014 relativo alle terapie di Medicina Estetica realizzate da Odontoiatri, su impulso della DGPROF (Direzione Generale delle Professioni Sanitarie e delle risorse Umane del Servizio Sanitario Nazionale) del Ministero, sollecitata da alcune realtà associative del settore odontoiatrico. In quell'occasione è stato prodotto un dossier dal Team medico legale.

Siamo lieti di apprendere come il Consiglio Superiore di Sanità, con il parere reso noto in questi giorni, confermi sostanzialmente i punti cardine del parere del 2014.

Correlazione ad un protocollo ampio e completo: non potranno pertanto essere effettuati dagli Odontoiatri trattamenti di Medicina Estetica ad hoc, ma soltanto all’interno di protocolli odontoiatrici ampi e completi. 

Impiego di farmaci e device immessi in commercio per l’area anatomica odontoiatrica: non potranno essere impiegati dagli Odontoiatri farmaci e medical device che non siano stati immessi in commercio per l’impiego nell’area Odontoiatrica di competenza, desumiamo pertanto l’impossibilità di utilizzare farmaci e device che siano immessi in commercio per il trattamento di aree anatomiche di esclusiva competenza medica.

Area anatomica odontoiatrica: viene confermata la limitazione all’area anatomica Odontoiatrica, anche se viene valutata oltre alla zona perilabiale anche la zona dei mascellari inferiori e superiori fino all’area sottozigomatica. 

Formazione differente: viene esplicitata inoltre come elemento innovativo del parere, una chiara esplicitazione della differente formazione tra il Medico e quella dell’Odontoiatra.  

Siamo quindi lieti di questa ulteriore conferma e ci auguriamo, che dopo questo pronunciamento vi sia una reale sinergia tra le categorie professionali di Medici Estetici ed Odontoiatri, prevedendo la collaborazione dei Medici Estetici per l’esecuzione delle terapie di Medicina Estetica di loro assoluta e innegabile competenza che, unitamente a trattamenti di riabilitazione odontoiatrici, possono permettere di offrire ai nostri pazienti un ottimale risultato funzionale ed estetico. Sinergia imprescindibile per la sicurezza del paziente e per offrire un programma terapeutico completo di gestione medico estetica del volto che, secondo la buona pratica clinica della nostra disciplina, deve essere considerato nella sua globalità.   

Agorà, Sies, Sime grazie alle attività del Collegio Italiano delle Società di Medicina Estetica continueranno a vigilare ed attiveranno numerose nuove iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal Consiglio Superiore di Sanità in merito alle attività di Medicina Estetica da parte dell'Odontoiatra, sia di carattere pratico che di ambiti formativi, ove ravvisabili delle violazioni. 

Alberto Massirone, Presidente Agorà e Claudio Plebani, Responsabile Ufficio Legale & Development 

Articoli correlati

Controllate 793 strutture, 110 quelle irregolari. Sequestrato anche uno studio odontoiatrico e denunciati titolare ed collaboratore. Questi gli interventi che il laureato in odontoiatria può...


AGORA’ “allerta” le Istituzioni sulle proposte di estensione della competenza Odontoiatrica in ambito di Medicina Estetica


Ogni anno la Legge di Bilancio ed il Decreto Mille Proroghe diventano gli strumenti per inserire norme che non sempre hanno un nesso con la finalità del provvedimento legislativo, ma a...

di Norberto Maccagno


Un regolamento, in fase di realizzazione, definirà le regole per iscriversi. Pollifrone (CAO Roma): “l’obiettivo è quello di tutelare sempre la salute dei cittadini”


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi