HOME - Cronaca
 
 
17 Aprile 2012

Pensione: tra giovani e meno giovani, cosa cambia?

Le reazioni al riordino del sistema

di Norberto Maccagno


ManciniMancini

Evangelista Giovanni Mancini, rappresentante Regione Lombardia nella consulta Quota B della libera professione del fondo generale Enpam, che potremmo definire un esperto "laico" delle questioni previdenziali, ci parla, in una intervista rilasciata al Giornale dell'Odontoiatra, di che cosa potrebbe cambiare per le varie generazioni di odontoiatri.

Dottor Mancini, la riforma Enpam ha solamente soddisfatto le richieste del governo oppure porta anche benefici agli iscritti? Penalizza i giovani?
La riforma del regolamento previdenziale era un passaggio inevitabile sino dalla finanziaria del 2007 che aveva sancito il passaggio da 15 a 30 anni dell'orizzonte temporale minimo richiesto per l'equilibrio gestionale delle casse private. Il decreto di dicembre con il passaggio a 50 anni ha inasprito i requisiti chiedendo tempi rapidi di elaborazione e approvazione. L'aspetto positivo è che mai come in questi ultimi sei mesi sono state approfondite e dibattute le tematiche della previdenza. È probabilmente aumentata la consapevolezza di molti colleghi su argomenti purtroppo ostici e di difficile lettura. I vantaggi per gli iscritti sono riferibili all'aver avviato un percorso di riequilibrio dei fondi, di eliminazione di alcuni vecchi privilegi non più sostenibili.
Sapremo solo tra poche settimane se sono state pienamente soddisfatte le richieste del governo: ma aver ottenuto quest'obiettivo ha sicuramente un beneficio per tutti: il mantenimento dell'autonomia gestionale. Quanto i giovani medici e odontoiatri saranno realmente penalizzati o agevolati dipenderà molto dal quadro economico-sociale dei prossimi 50 anni: certamente il passaggio dell'aliquota di contribuzione dal 12,5 al 19,5% è un dato incontrovertibile di aggravio per i più giovani.

I contributi che verranno chiesti in più ai dentisti potranno garantire pensioni più corpose?
I maggiori contributi sono funzionali principalmente all'equilibrio dei fondi e garantiranno un indice di sostituzione, ovvero il rapporto reddito lavorativo/reddito pensionistico, poco superiore al 50%. Quindi se un collega avrà beneficiato di un reddito medio annuo di 50.000 euro potrà contare su assegno previdenziale di circa 25.000 euro lordi annui.

Quali sono gli interventi che servirebbero?
Sicuramente l'eliminazione di quella che sarà a regime una poco accettabile sperequazione tra contribuzione ridotta al 2% per i colleghi dipendenti e contribuzione ordinaria della libera professione al 19,5%, operativa a partire dal 2021.

Perché è importante la revisione dello statuto?
La revisione dovrà essere funzionale alla trasparenza e alla piena consapevolezza decisionale da parte dei veri azionisti, ovvero medici e odontoiatri. Dovrà dare rappresentanza ai giovani e non solo ai più "adulti" o addirittura pensionati, dovrà evitare pericolosi conflitti di interesse, dovrà dare un ancor più solido e autorevole ruolo  ai rappresentanti della libera professione, quindi in particolare ai dentisti, che non percepiscono indennità di malattia, non gravano sulle casse statali e anzi creano con grande fatica migliaia di posti di lavoro.

Molto spesso i dentisti non si pongono il problema della pensione. Poi, però, quando è il momento si accorgono di non riuscire a mantenere il tenore di vita che avevano quando lavoravano.
Fino ad alcuni anni fa per molti dentisti era possibile, grazie alle condizioni economiche generali più favorevoli, risparmiare e spesso investire in immobili da porre a reddito, così da costituire una previdenza autonoma anche a beneficio dei propri figli. L'interesse alla previdenza era poco o nullo.
Oggi lo scenario è cambiato del tutto, anche per quanti riguarda la redditività dei beni immobiliari: e pure noi liberi professionisti siamo obbligati anno dopo anno a costituire una pensione accettabile e consona il più possibile al tenore di vita a cui ci siamo abituati durante il periodo lavorativo.
Elemento favorevole di questo scenario è senz'altro la deducibilità fiscale dei contributi previdenziali obbligatori.

Cosa consiglia ai giovani per garantirsi una pensione decorosa? Cosa possono fare i dentisti che hanno oggi 45-55 anni?
Ai più giovani posso consigliare di pensare sin dai primi anni di contribuzione a provvedere anche alla previdenza integrativa per aumentare il più possibile e precocemente consolidare il proprio assegno di quando saranno in pensione, anche se 68 anni sembrano lontanissimi.
Ai miei coetanei della fascia 45-55 anni suggerisco di valutare con il proprio commercialista l'opportu-nità di riscatto e di riallineamento e se hanno risorse economiche provvedere anche loro alla pensione integrativa.

Leggi anche l'articolo sulla Riforma dell'Enpam

GdO 2012;4:4-5

Articoli correlati

Si chiama “Resto al Sud” ed è un progetto promosso dal Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno che punta a sostenere e finanziare la nascita di nuove imprese promosse da...


Le Società di capitale dovranno versare il contribuito già per il fatturato 2018


cronaca     11 Settembre 2018

Rateizzazione dei contributi ENPAM

Sabato l’ultimo giorno utile, ecco come farlo


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi