HOME - Lettere al Direttore
 
 
27 Luglio 2018

Legionella, il problema non è degli odontoiatri

Il dott. Mele interviene sulle accuse alla categoria spesso indicata come “untori”


Egregio Direttore, 

non molto tempo fa su Odontoiatria33 fu pubblicato un mio intervento in cui paventavo il rischio che, di fronte all’aumento dei casi di legionellosi nel nostro paese, gli studi dentistici venissero individuati tra le più frequenti sedi di contagio. E, di conseguenza, venissero colpiti da ulteriori incombenze. Trascurando nel contempo la reale vastità del fenomeno.

Riporto pertanto alcuni passaggi che, alla luce dei recenti fatti lombardi, giova ripresentare aggiornati.

Alcuni anni fa è stato creato in Italia un Registro della legionellosi presso l’Istituto Superiore di Sanità, annualmente aggiornato con le schede dei casi verificatisi nel nostro paese. Successivamente a quello da lei citato del 2015, esiste un Rapporto del 2016 ed a questo intendo riferirmi. I casi accertati sono passati dai 1.350 del 2012 ai 1.710 del 2016.Nell’ 80% dei casi non è stato possibile individuare una causa o un luogo dove si è verificato il contatto infettivo, e già questo dovrebbe far riflettere sull’ubiquità raggiunta ormai dalla legionella nel nostro paese. Nel rimanente 20% dei casi si è cercato di accertare se, nei dieci giorni precedenti alla comparsa dei sintomi, vi era stata una esposizione definibile “a rischio”. Nella maggior parte dei casi (177, cioè il 10,4% del totale) si sono riscontrati uno o più pernottamenti fuori casa -alberghi, campeggi, villaggi-, un ricovero ospedaliero (86, cioè il 5%), la presenza in case di riposo per anziani, RSA, strutture di riabilitazione (35, cioè il 2,1%), soggiorni in carceri, comunità chiuse, frequentazione di piscine (28, cioè il 1,6%), cure odontoiatriche (22, cioè 1,3%). Per buona misura è interessante notare che nel 2015 le piscine e le cure odontoiatriche erano valutate insieme, con un numero di possibili infezioni totali pari a 36.

Oggi, con le cure odontoiatriche calcolate a parte, si arriva a soli 22. Ma, si badi bene: nel 2016 ventidue soggetti a cui è stata diagnosticata l’infezione (22 su 1710) hanno semplicemente dichiarato che nei 10 giorni prima della comparsa dei sintomi erano stati dal dentista! Questo vuol dire che, alla stessa precisa domanda, 1.688 soggetti hanno detto di NO. Senza peraltro escludersi che contemporaneamente non abbiano avuto esposizioni di altro tipo, vista l’ubiquità dell’agente patogeno.

Secondo notizie dell’ultima ora provenienti dal Comune di Bresso campioni positivi sono stati riscontrati nell’abitazione di una delle vittime ed in una fontanella pubblica.

E poi c’è la galassia dei condizionatori nei centri commerciali e negli edifici di grandi dimensioni. Pertanto sulla questione e sulla eventuale nostra responsabilità pretendo interlocutori qualificati e non accetto alcun tipo di valutazione della pericolosità infettiva della nostra attività che prescinda da questi elementi scientifici, dal punto di vista quantitativo e qualitativo. Voglio concludere pendendo in prestito una frase del collega Roberto Burioni: “per un medico non ha senso discutere con chi ha la terza media..” 


Dottor Renato Mele
 Rappresentante toscano nella Consulta della libera professione

Articoli correlati

Con la dott.ssa Ricci abbiamo approfondito il tema cercando di capire le regole, chi controlla, perché devono essere applicate anche in un settore dove il rischio è basso


Replica dell’Istituto Superiore di Sanità alle critiche verso le Indicazioni per la prevenzione del rischio legionellosi nello studio odontoiatrico


Il commento del dott. Mele alle nuove regole in tema di prevenzione della Legionellosi nello studio odontoiatrico


Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Presentate ad Amsterdam dopo 8 anni le nuove indicazioni per questa patologia. Ecco le indicazioni per gli odontoiatri e le procedure odontoiatriche considerate a rischio

di Arianna Bianchi


Sulla base delle più recenti evidenze scientifiche, nel documento vengono proposte alcune raccomandazioni per mantenere la salute dei tessuti perimplantari e per gestire efficacemente le...


Realizzate da SIdP con la sinergia della CAO nazionale, saranno diffuse a tutti gli iscritti all’Albo e promosse attraverso un progetto formativo dedicato


Tonetti: “Le indicazioni mirano a controllare l'infiammazione e prevenire ulteriori danni ai tessuti di supporto dei denti e a ripristinare la funzione degli elementi dentali”


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi