HOME - Parodontologia
 
 
13 Gennaio 2015

I batteri presenti in pazienti affetti da parodontite cronica in assenza di malattie sistemiche e non fumatori

di Giovanni Giorgetti, Carlo Mirra


Scopo del lavoro: descrivere la prevalenza di 11 batteri parodontopatogeni in pazienti affetti da parodontite cronica prima di effettuare qualsiasi trattamento.

Materiali e metodi: sono stati selezionati 508 pazienti, 250 uomini e 258 donne, con età media 38 anni +-12 durante tutto il 2013. Sono stati inclusi tutti quei pazienti che presentavano una parodontite cronica con BOP+ e tasche di almeno 4mm e non più profonde di 7mm che, dopo prelievo microbiologico, presentavano una concentrazione di batteri tale da richiedere, oltre a SRP, anche antibiotico. Inoltre, non era presente nessun fumatore, nessuna patologia sistemica e nessuno assumeva farmaci. Il prelievo è stato eseguito con coni di carta sterili, inseriti in 5 siti differenti dove la tasca era di almeno 4mm con BOP+. Inoltre, nessun paziente aveva assunto antibiotico né utilizzato collutorio almeno 30 giorni prima del prelievo. Per quanto riguarda la tecnica di prelievo, si è utilizzato dei coni di carta sterile a conicità crescente e si è atteso circa 20 secondi prima di rimuovere il cono, facendo attenzione a mantenere tutta la zona asciutta. Complessivamente sono stati prelevati campioni in 2540 siti. Le analisi vengono eseguite dal laboratorio "Biocontrol". Le regioni del DNA batterico sono state amplificate mediante multiplex PCR (Polymerase Chain Reaction). I prodotti amplificati sono stati analizzati mediante reverse dot-blot. La presenza del DNA batterico viene determinata mediante ibridazione inversa: sequenze geniche amplificate ibridano in maniera specifica a sonde oligonucleotidiche legate a una membrana.

Risultati: i risultati sono suddivisi in due semestri e sono riportati solo i dati in cui le unità formanti le colonie ( CFU ) sono maggiori di 10 alla terza.

Batteri

% tale da richiedere terapia antibiotica

Aa = Aggregatibacter actinomycetemcomitans

12,75

Pg = Porphyromonas gingivalis

72,06

Tf = Tannerella forsythia

75,39

Td = Treponema denticola

70,59

Pi = Prevotella intermedia

36,76

Pm = Peptostreptococcus micros

28,43

Fn = Fusobacterium nucleatum/periodonticum

33,82

Cr = Campylobacter rectus

40,2

En = Eubacterium nodatum

21,57

Ec = Eikenella corrodens

27,45

Cs = Capnocytophaga spec. (gingivalis, ochracea, sputigena)

30,39

Tab1: % di batteri 1° semestre 2013 in 204 pazienti

  • Grafico 1: % di batteri nel 1°semestre 2013 in 204 pazienti.



Batteri

% tale da richiedere terapia antibiotica

Aa = Aggregatibacter actinomycetemcomitans

12,5

Pg = Porphyromonas gingivalis

59,2

Tf = Tannerella forsythia

75,3

Td = Treponema denticola

70,1

Pi = Prevotella intermedia

38,5

Pm = Peptostreptococcus micros

29,3

Fn = Fusobacterium nucleatum/periodonticum

23,0

Cr = Campylobacter rectus

27,6

En = Eubacterium nodatum

14,8

Ec = Eikenella corrodens

19,4

Cs = Capnocytophaga spec. (gingivalis, ochracea, sputigena)

21,7


Tab 2: % di batteri 2° semestre 2013 in 308 pazienti

  • Grafico 2: % di batteri nel 2° semestre 2013 308 pazienti


Conclusioni
: dai dati si evince che il gruppo batterico maggiormente coinvolto è quello rosso di Socransky, che mediamente supera il 70% dei casi. Sono necessari altri studi per confermare la prevalenza batterica. Sarebbe interessante  valutare le concentrazioni abbinate ai vari indici gengivali. L'approccio con markers genetici IL1 e lo studio microbiologico della flora batterica del cavo orale ci ha dato la possibilità di trattare in maniera razionale pazienti in gravi condizioni non solo parodontali, ma anche con malattie sistemiche come diabetici e oncologici (radiotrattati e con lesioni osteonecrotiche da bifosfonati). Il reclutamento di un maggior numero di pazienti con diverse patologie potrebbe aiutare il clinico ad approcciare il caso in maniera individualizzata, migliorando la gestione delle complicanze di tipo infettivo.

Articoli correlati

Dallo studio emerge che l'IA è in grado di rilevare molti tipi di difetti dalle immagini 2D e e rivelarsi un valido aiuto anche nella diagnosi della parodontite. Possibile, in...


Uno studio presentato a Europerio10 evidenzia la stretta correlazione. Anche il peso del nascituro sembra essere correlato alla malattia parodontale della madre 


Su JCPD96 uno studio clinico che ha valutato i vantaggi clinici della strumentazione full-mouth rispetto a quella per quadrante (Q-SRP) nella parodontite di stadio III e IV


Immagine di repertorio

La prof.ssa Nardi si sofferma sul ruolo primario dell’igienista dentale nell’inquadramento della persona assistita e della necessità di implementare la formazione su questi temi

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Quali sono i marker sierici e i valori vitali che ne determinano la gravità?

di Lara Figini


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi