HOME - Prodotti
 
 
17 Giugno 2022

Nobil Metal presenta Sinergia Print

Finalmente è disponibile la prima stampante 3D progettata e realizzata da un’azienda dentale per il settore dentale: Sinergia Print


Non si tratta di una stampante riconvertita da altri settori ma di un prodotto specifico realizzato utilizzando e combinando la tecnologia innovativa LED-UV LCD (lampada LED UV 405 nm di proprietà Nobil Metal, completamente progettata e costruita internamente) che pone rimedio a tutti i limiti tipici del classico DLP e/o laser: un lungo lavoro durato 4 anni di messa a punto, test, confronti e analisi.

Con Sinergia Print è possibile realizzare calcinabili (pressata e fusione), dime chirurgiche, modelli, byte, provvisori, applicazioni ortodontiche e molto altro ancora…

Un’altissima risoluzione 4K, XY 75 µm garantita e omogenea su tutta l’area di stampa (praticamente un foglio A4) unitamente alla risoluzione in Z ± 5 µm con layer di 25 - 50 - 100 µm.

1. Possibilità di scegliere tra 25 micron, 50 micron e 100 micron in base a cosa si deve stampare: più è alta la risoluzione più la stampante ci impiega a lavorare e più il modello è preciso.

2. Definizione incredibile dei dettagli e altissima velocità (oltre 34 modelli in soli 70 minuti) grazie alla luce che arriva in maniera perfettamente perpendicolare sul piatto di stampa e in ogni punto (velocità di stampa circa 2 cm/1 h su tutto il piatto).

3. Bassi costi di gestione: anche il FEP intercambiabile in laboratorio/studio in maniera semplice e con spesa irrisoria.

4. Stampa tutte le resine 3D con lunghezza d’onda 405 nm: sistema completamente aperto.

5. Design moderno e pensato per il dentale (Studio & Laboratorio).  

Caratteristiche

  • Monitor touch screen frontale da 10’’ integrato nel portello (gestione di tutti i parametri in completa autonomia).
  • Area di stampa: 280 x 160 x 100 h.
  • Dimensioni macchina: 470 x 400 x 460 h.
  • Volume vasca: 2 litri resina circa.
  • Peso: 44 kg.
  • Sistema completamente aperto, con gestione delle resine anche di terze parti.
  • Collegamento Wifi - USB - Ethernet - Possibilità di assistenza da remoto.
  • 100% Made in Italy.

Articoli correlati

In uno studio, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato l’accuratezza di due diverse dime chirurgiche fabbricate mediante cinque diverse tecnologie di...

di Lara Figini


O33protesi     02 Marzo 2021

Stampanti 3D: a che punto siamo?

L’evoluzione delle tecniche digitali non sembra arrestarsi, come è logico che sia. Ogni giorno apriamo una pubblicità, una newsletter o una notizia sul web che evochi...

di Massimo Gagliani


L’autotrapianto di denti del giudizio è considerata una valida alternativa terapeutica per la sostituzione di denti mancanti. La tecnologia 3D può essere un valido aiuto in...

di Alessandra Abbà


Il prossimo 5-7 marzo presso la Fiera di Milano si svolgerà la 3D Print Hub, l'evento che nasce per far incontrare e mettere in relazione la stampa 3D e il mondo produttivo.Evento che...


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi