HOME - Cronaca
 
 
06 Aprile 2017

Contributo integrativo previdenziale, cosa dice la legge. Pracella (CdA ENPAM) graverebbe sui cittadini e non servirebbe alle già floride casse dell'Ente


Egregio Direttore,

mi complimento per la sua conoscenza delle dinamiche previdenziali dei Liberi Professionisti. Non posso però esimermi dall'evidenziare alcuni passaggi utili ad una corretta informazione.

Infatti, sulla consapevolezza che i Colleghi contribuenti hanno delle vicende legate alla costruzione della loro pensione, si fondano gli input che gli stessi Professionisti devono mandare ai loro rappresentanti.

In riferimento al contributo integrativo, che la legge Lo Presti indica da un minimo del 2% ad un massimo del 5%, difficilmente potrà essere individuato nella misura minima, ma molto più realisticamente al 4% se non al 5%. In merito all'utilità di tale imposizione contributiva sulle parcelle dei Liberi Professionisti, che dovrebbe essere pagata dai pazienti come tutto il resto della parcella, ho da fare alcune considerazioni . In primis le casse dell'ENPAM sono talmente floride che non necessitano di quel contributo integrativo versato dai soli contribuenti Liberi Professionisti e non dai Colleghi Convenzionati o Dipendenti, in quanto derivato da un'inopportuna imposizione agli utenti della Libera Professione sulle parcelle, come già detto dal dott. Zovi.

Di fatto, verrebbe a configurarsi quale ulteriore e fastidioso adempimento, nonchè, in moltissimi casi, nuova spesa previdenziale a carico dei Liberi Professionisti .

Poi è bene chiarire per uscire da malintesi equivoci, che non possono rappresentare una corretta informazione ai Contribuenti, che tale istituto è da considerarsi integrativo e non sostitutivo del contributo ordinario, pertanto, i Ministeri vigilanti non autorizzeranno mai una riduzione della contribuzione obbligatoria in virtù dell'introduzione del suddetto istituto.

I giovani sono e saranno penalizzati dalle previsioni di quell'assurdo comma 24 dell'art.24 del decreto "Salva Italia" del 2011, che riducendo drammaticamente l'autonomia dell'ENPAM fissando assurdi paletti, quale ad esempio la sostenibilità a cinquant'anni senza considerare l'ingente patrimonio che altro non è che una stratificazione ed accumulo dei contributi versati dai Colleghi, ha condizionato pesantemente le scelte adottate dall'Ente nella realizzazione di quella riforma previdenziale già in cantiere.

Il futuro post-lavorativo delle nuove generazioni è legato al concetto di adeguatezza della prestazione pensionistica, ed un aumento della valorizzazione dei contributi versati passa necessariamente da un incremento del coefficiente di rendimento che ritengo ineludibile, sempre con l'occhio attento ai conti ed alla sostenibilità delle scelte.

Questo significa, mi permetta la presunzione , corretta politica previdenziale .

Per quanto riguarda l'ammontare dell'aliquota contributiva, che è chiaramente inferiore a quella dei Dipendenti, serve un'attenta analisi dell' opportunità di un suo aumento in un periodo di pesante crisi congiunturale, segnatamente per i giovani Liberi Professionisti.

Un altro aspetto ritengo vada analizzato con maggiore riflessione.

Come già rappresentato dal dott. Zovi la Consulta della libera Professione non ha accolto la proposta di imporre un contributo del 2% alle società di capitale in campo Medico ed Odontoiatrico.

Io ritengo (e come me un'ampia maggioranza) che tale passaggio sarebbe un regalo e una legittimazione alle società di capitale che usano ogni mezzo per abbattere quel modello di esercizio Libero Professionale basato sullo studio mono-professionale o associato . Verrebbe meno soprattutto, il rapporto fiduciario Medico-Paziente che ha garantito al 95% la salute orale dei Cittadini.

Solo chi ha interessi o, nel caso migliore, è un incompetente di politica e strategie della Professione, può essere favorevole a questa, che non temo definire vera e propria "sanatoria".

Sembra inverosimile, ma mentre tutto il movimento Odontoiatrico compatto si batte per non consentire alle imprese di capitali di esercitare l' Odontoiatria, c'è una parte della categoria, rappresentata anche ad alti livelli, che sembrerebbe guardare con interesse al capitale a tutto danno delle nuove generazioni di Professionisti.

Distinti saluti

Pasquale Pracella: Consigliere di Amministrazione ENPAM

Articoli correlati

Con il 31 dicembre sono terminate le elezioni per i rinnovi delle CAO Provinciali e la nomina dei presidenti che saranno in carica fino al dicembre 2020.Rispetto alla precedente tornata elettiva...


Il 54% dei medici ha raccolto il numero di crediti necessario nel triennio 2014-2016 mentre i dentisti ligi alla norma sono stati il 51%. Il Segretario FNOMCeO Sergio Bovenga non concorda con i...


Il degrado dell'interfaccia dei restauri adesivi in composito è il risultato di più fattori combinati. Alla base vi è la contrazione da polimerizzazione tipica dei materiali compositi, che può...


Si chiama diabete urbano, in quanto il 75% dei pazienti diabetici si colloca in aree urbane. Per sfidare la nuova emergenza intorno al paziente si sono "auto-contingentati" medici diabetologi,...


Il corso universitario di qualificazione dei primi dentisti del Burundi è stato ufficialmente accettato nell'ordinamento nazionale del Burundi. Mercoledì 29 aprile 2017 alla presenza di...


Patrimonio sale di 1,6 miliardi di euro e registra un utile di 538milioni. Di euro Nel 2023 ENPAM ha erogato prestazioni previdenziali ed assistenziali per 3,34miliardi di euro


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


Una volta in pensione, come posso fare per mantenere l’iscrizione all’Albo senza più pagare l’ENPAM e fare ECM?


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Egr. Direttore,nei giorni scorsi sono comparsi su Odontoiatria33 due interventi di segno opposto in merito alla decisione della Consulta ENPAM della libera professione di non procedere ulteriormente...


Egregio Direttore,in merito all'intervista del 30 marzo scorso dal titolo:"Contributo integrativo ENPAM sulle parcelle dei dentisti, congelata la proposta. Zovi (quota B) penalizzerebbe la salute dei...


Altri Articoli

Una piattaforma permette di monitorare le performance di incasso con un'unica dashboard, gestendo diversi metodi di pagamento, dal tradizionale POS a soluzioni più avanzate come...


L'American Dental Association non raccomanda più l'uso di collari tiroidei sui pazienti durante gli esami radiografici e aggiorna le linee guida sulla diagnostica per immagini


In occasione della Giornata nazionale della salute della donna, Straumann Group e l’esperta hanno fatto un punto sull’odontoiatria di genere in Italia, sulle differenze del sorriso di donne e...


Promuovere la consapevolezza delle diverse dimensioni della salute della donna pensando ad un approccio personalizzato deve essere l’obiettivo anche di odontoiatri ed igienisti dentali


Patrimonio sale di 1,6 miliardi di euro e registra un utile di 538milioni. Di euro Nel 2023 ENPAM ha erogato prestazioni previdenziali ed assistenziali per 3,34miliardi di euro


Etica ed estetica nell’ambito odontoiatrico sono strettamente legate; entrambe sono cruciali per garantire cure efficaci e rispettose dei pazienti. E’ il tema affrontato in...

di Dino Re


A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi