HOME - Cronaca
 
 
15 Gennaio 2019

Tribunale chiude Centro odontoiatrico nel cosentino. Condannato abusivo e direttore sanitario che dovrà anche risarcire l’Ordine


I Carabinieri del NAS mettono i sigilli ad un Centro odontoiatrico sulla costa tirrenica risultante di proprietà della moglie di un falso dentista della zona già noto alle forze dell’Ordine. Coinvolta nella vicenda anche il direttore sanitario, una giovane dottoressa iscritta all’Albo.
Il Tribunale di Paola ha condannato, a seguito di patteggiamento, sia il falso dentista che la giovane dottoressa che prestava il suo nome concorrendo di fatto all’azione criminosa dell’abusivo.  

La direttrice sanitaria è stata condannata anche a risarcire l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Cosenza delle spese sostenute. L’Ordine che si era costituito parte civile.

Ringraziando gli uomini del NAS per la “costante collaborazione con l’istituzione ordinista, il presidente CAO di Cosenza Giuseppe Guarnieri (nella foto) dichiara: “Noi abbiamo l’obbligo etico e deontologico di dare queste informazioni sul fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico, tipico italiano che non ha eguali nel mondo e che mina costantemente la salute dei cittadini. Esercitare abusivamente una professione protetta come quella odontoiatrica è un reato penale. I dati sul territorio nazionale sono preoccupanti; si stimano in Italia circa quindicimila falsi dentisti e la provincia di Cosenza non è esente dal fenomeno; numerosi i casi di abusivismo odontoiatrico scoperti a seguito di segnalazioni che pervengono al nostro Ordine non solo da parte di colleghi corretti, ma anche di semplici cittadini che, ignari, ma a volte anche consapevoli, si rivolgono a falsi dentisti subendo gravi danni iatrogeni spesso irreparabili a seguito di  prestazioni odontoiatriche effettuate  malissimo. Odontotecnici spregiudicati che estraggono e/o curano denti, che eseguono interventi di chirurgia implantare, che posizionano in bocca manufatti protesici incongrui, spesso, ahimè non vogliamo nasconderci, come nel caso succitato, con la complicità del vero dentista che, una volta scoperto dagli Organismi di controllo a prestare il proprio nome, subisce non soltanto un procedimento penale, ma anche una grave sanzione disciplinare consistente nella sospensione dall’attività. Questi comportamenti illegali screditano la nostra categoria, ecco perché l’Ordine ha deliberato di costituirsi sempre parte civile in tutti i procedimenti penali”. 

Articoli correlati

Fino a quattro cinque anni fa, Odontoiatria33 pubblicava almeno una o due notizie di cronaca legate a abusivi e prestanome denunciati a settimana. Da sempre ho deciso di...

di Norberto Maccagno


Avrebbe realizzato una protesi direttamente al paziente nel suo laboratorio. Dovrà anche risarcire il paziente


Immagine di repertorio

Scoperto dalla Guardia di Finanza di Foligno. Durante la perquisizione rinvenuta anche della marijuana. Guarda il video


In provincia di Vicenza denunciato per esercizio abusivo un dentista che nonostante fosse sospeso dall’Ordine continuava a lavorare. Sequestrato anche lo studio


A Vicenza denunciato un dentista sospeso perché non vaccinato con la terza dose sorpreso a lavorare. La giustificazione: non sapeva del provvedimento dell’Ordine


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi