HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
08 Giugno 2016

Ozono e perossido di idrogeno, combinazione efficace per lo sbiancamento

di Adelmo Calatroni


Lo sbiancamento con perossido di idrogeno al 38% con l'aggiunta di ozono ha prodotto risultati migliori, con ombre più chiare, rispetto al solo perossido di idrogeno, in uno studio pubblicato sul Journal of Dentistry.

L'ozono è un potente ossidante, vanta proprietà analgesiche, una forte attività antimicrobica e ha la capacità di stimolare la circolazione sanguigna e la risposta immunitaria: è dunque di grande interesse in medicina e in odontoiatria, tanto da essere indicato per il trattamento di oltre 250 patologie diverse. In particolare, in odontoiatria l'ozono è utilizzato contro i biofilm batterici, nella disinfezione delle tasche parodontali, nella prevenzione e trattamento della carie, nel trattamento della polpa esposta, nel trattamento canalare, nell'estrazione dentale, in caso di sensibilità dentinale, nel trattamento dell'articolazione temporomandibolare e delle radici esposte, nel controllo del dolore, nell'alitosi e per favorire la guarigione delle ferite, la remineralizzazione e la rigenerazione tissutale.

Riguardo all'utilizzo dell'ozono per lo sbiancamento c'erano finora pochi studi e dai risultati controversi, per esempio una ricerca di David Manton dell'Università di Melbourne non ha ottenuto miglioramenti nell'efficacia sbiancante del perossido di carbamide con l'aggiunta di ozono, mentre una sperimentazione di Abd Elhamid e Mosallam dell'Università del Cairo ha mostrato che un gel ozonato ha prodotto in laboratorio miglioramenti nello sbiancamento di campioni in resina composita riducendone la ruvidità della superficie e si è rivelato più efficace del perossido di carbamide.

Questo nuovo studio rafforza le evidenze positive associate alle proprietà sbiancanti dell'ozono. Gli autori hanno lavorato su 70 elementi dentari estratti che sono stati distribuiti in modo randomizzato in due gruppi. Le superfici dei denti del primo gruppo sono state trattate solo con perossido di idrogeno al 38% per 20 minuti mentre nel secondo il trattamento con perossido è stato integrato con l'esposizione per 60 secondi a ozono. La differenza nella rimozione delle ombre scure dalle superfici dentali è stata in questo caso superiore aprendo una promettente possibilità nell'utilizzo dell'ozono in odontoiatria.

Adelmo Calatroni

Per approfondire: Al-Omiri MK, Abul Hassan RS, AlZarea BK, Lynch E. Improved tooth bleaching combining ozone and hydrogen peroxide—A blinded study. J Dent. 2016 Mar;46:30-5.

Nota del 9 giugno 2016: La normativa regolamenta l'utilizzo dei prodotti sbiancanti classificati come "cosmetici". Per quelli classificati come dispositivi medici non ci sono limitazioni alla concentrazione di perossido d'idrogeno.

Articoli correlati

Corsa per agevolare il più possibile la somministrazione delle dosi. Ci si potrà rivolgere anche dal dentista o in farmacia. In Baviera è già possibile 


Uno strumento nuovo per il settore dentale che consente di ricercare prodotti ed attrezzature e comparare i prezzi proposti dai vari siti di vendita online 


Il Consejo General de Dentistas spagnolo ha pubblicato il suo Rapporto tecnico demografico sui dentisti in Spagna nel 2021, in cui analizzava vari parametri come il rapporto...


Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Altri Articoli

Lo scrivevo qualche DiDomenica passato, l’abusivismo come lo intendevamo decenni fa è ormai storia, anche se ogni tanto le cronache ripropongono ancora i “fasti” del...

di Norberto Maccagno


Intervista ad Andreas Stavropoulos, nuovo presidente della Federazione Europea di Parodontologia


Incontro della Federazione Italiana delle Società di Odontoiatria per fare il punto sul ruolo delle Società Scientifiche odontoiatriche anche in funzione della qualità delle cure ai pazienti


La dott.ssa Giancarla Rossetti riprova a scrivere al Ministero per chiedere un intervento elencando gli “errori” contenuti nel decreto 101/2020


Le motivazioni della contestazione devono però essere dettagliate e l’indicazione del nominativo deve essere riportato solo sui messaggi pubblicitari


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi