HOME - Implantologia
 
 
25 Novembre 2008

Impianti dentali: attenzione ai cloni

di Norberto Maccagno


Si è concluso il Forum sulla Qualità in Implantologia, promosso dalla Società Italiana di Implantologia Osteointegrata. I maggiori clinici e ricercatori, le associazioni dei consumatori e le aziende del settore, hanno fatto il punto sullo stato dell’arte della disciplina per approfondire i fattori che concorrono a garantire la qualità dei prodotti e delle prestazioni dei professionisti.
In Italia, con oltre 1.000.000 di impianti installati ogni anno, l’implantologia dentale è un fenomeno particolarmente in espansione. Ma dei 300 sistemi presenti sul mercato italiano, solo una decina sono certificati e approvati a livello mondiale, ossia che sottostanno ai controlli di produzione e hanno alle spalle test clinici sufficienti che ne garantiscano la piena sicurezza di utilizzo, senza il rischio di creare danni per la salute.
“L’implantologia osteointegrata è una procedura clinica invasiva, ad alto contenuto tecnologico, ove le caratteristiche del prodotto, oltre alla preparazione professionale dei professionisti, giocano un ruolo di primaria importanza”, spiega il professor Leonardo Trombelli, presidente della Sio e coordinatore del Forum. La scelta d’impianti di bassa qualità da parte degli odontoiatri è permessa da una legislazione che non obbliga a fornire dati di efficacia clinica.
L’obiettivo del Forum è proprio quello di far conoscere ai cittadini, ai professionisti e alle aziende produttrici, i concetti fondamentali dei tre aspetti della qualità: nei prodotti implantologici, nella ricerca in campo implantologico e nei requisiti tecnici e procedurali dell’operatività implantologica.
“La legislazione italiana sui dispositivi medici consente di mettere in commercio impianti che non hanno una solida validazione scientifica e che addirittura potrebbero non essere stati testati “in vivo” per un adeguato periodo di tempo”, dice il prof. Eugenio Romeo. Oggi il paziente non è in grado di sapere se il prodotto utilizzato dal proprio odontoiatra risponde o no a questi requisiti di qualità.
“A ciò si aggiungano i casi in cui aziende mettono in commercio impianti contraffatti privi di certificazione, che potrebbero non permettere il mantenimento a lungo termine della riabilitazione protesica - conclude il dottor Vaia - e anche essere potenzialmente dannosi per il paziente.”
Le conclusioni del Forum saranno ora raccolte in una pubblicazione che sarà distribuita a 35.000 studi odontoiatrici italiani e costituiranno il punto di partenza per fornire a pazienti e professionisti le indicazioni concrete necessarie per affermare un corretto concetto di qualità nelle prestazioni implantologiche.

Redazione

Articoli correlati

Nuova sentenza conferma il diritto dei liberi professionisti. Savini: ribadiamo il nostro appello per la necessità di rimuovere quella che riteniamo una vera ingiustizia


Ci sono parole che fatichiamo a pronunciare. Tra quelle che non riesco a dire in velocità, e devo concentrarmi per farlo, c’è odontoiatria. Che poi abbinata a 33 per uno cha ha la erre...

di Norberto Maccagno


A questo frequente quesito cerca di rispondere una revisione sistematica della letteratura pubblicata sull’International Journal of Dental Hygiene 

di Arianna Bianchi


In uno studio clinico, pubblicato sul Journal of Oral Maxillofacial Pathology, gli autori hanno studiato e indagato se vi potesse essere una correlazione tra i cambiamenti della mucosa orale e il...

di Lara Figini


In una revisione sistematica, pubblicata sull’International Endodontic Journal di giugno 2022, gli autori hanno valutato l’effetto della radioterapia per HNC sullo stato pulpare

di Lara Figini


Altri Articoli

Il servizio, in via sperimentale e limitato alle risorse stanziate, rimborsa il 50% delle spese sostenute nel 2021 fino ad un massimo di 200 euro. La domanda dal primo luglio 2022


Le indicazioni delle Entrate, passo dopo passo, per compilare la prima fattura elettronica utilizzando gratuitamente il servizio web messo a disposizione dall’Agenzia 


Cambio al vertice dell’Unione Nazionale delle Industrie Dentarie Italiane nel segno della continuità


Prevista, in anteprima, la presentazione di Alfred, la prima piattaforma idi con intelligenza artificiale per la gestione dello studio, dell’attività clinica e della comunicazione con il paziente


Un gesto di riconoscenza verso i sanitari. L’offerta è valida per tutto il 2022, i famigliari entreranno ad un prezzo ridotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi