HOME - Cronaca
 
 
04 Marzo 2016

ECM attivati i primi Gruppi di lavoro, Almini nominato in 4 gruppi. Maggiori controlli verso i provider a sostegno della qualità formativa, dossier formativo e formazione qualificata tra gli obiettivi


Dopo il suo insediamento, la Commissione nazionale ECM è tornata a riunirsi con la costituzione dei primi Gruppi di lavoro che ieri mercoledì 2 marzo, hanno cominciato i lavori dando già le prime indicazioni sul nuovo percorso della Formazione Continua.

Gruppi di lavoro che hanno visto protagonista Stefano Almini (nella foto), presidente CAO Bergamo e unico componente odontoiatra all'interno della Commissione ECM, nominato all'interno del Gruppo di lavoro Dossier Formativo, della Sezione IV sugli obiettivi formativi e del Gruppo di lavoro sui liberi professionisti, che si riunirà per la prima volta il 7 aprile.

Una Commissione ECM sempre più orientata verso il sostegno della formazione di qualità come emerso dalla prima riunione del Comitato di Garanzia, l'organismo a supporto della Commissione ECM con il compito di salvaguardare indipendenza della attività formativa dagli interessi commerciali. Per la prima volta un odontoiatra é stato nominato in questo Comitato.

"L'intento -spiega Almini ad Odontoaitria33- è quello di verificare la qualità formativa degli eventi proposti al fine di tutelare l'aggiornamento dalle interferenze commerciali".

Attività di controllo attivata nei precedenti anni dalla Segreteria ECM, dal 2010 sono state 230 segnalazioni arrivate alla Commissioni ed effettuate 73 verifiche ad eventi residenziali e 29 ad eventi Fad, e che sarà intensificata in questo triennio. Le verifiche avverranno sia direttamente sul campo, mandando direttamente "ispettori" agli eventi o accedendo alle piattaforme Fad, che attraverso cheek-list da sottoporre ai discenti. Ma la Commissione chiederà agli stessi discenti una maggiore responsabilità anche segnalando situazioni dubbie. L'apertura di una istruttoria servirà per approfondire, valutare ed eventualmente sanzionare il provider che ha organizzato l'evento in cui sono state rilevate irregolarità.

Importanti sono state anche i lavori dei Gruppi di lavoro su Dossier formativo e sugli obiettivi formativi. In quest'ultimo, il presidente Almini ha proposto di introdurre, tra gli obiettivi formativi nazionali, due argomenti particolarmente utili all'aggiornamento degli odontoiatri, con ricadute sulla collettività: la radioprotezione e la gestione delle emergenze nella rianimazione cardiopolmonare.

Per quanto riguarda il Dossier Formativo, ancora nella fase sperimentale, l'intenzione della Commissione è quella incentivare il suo utilizzo da parte del professionista attivando anche un promo che possa diffondere il valore della progettazione formativa.

Già da questi primi incontri é emerso come il ruolo del dott. Almini nei vari gruppi di lavoro non sarà di pura presenza ma di attiva proposizione.

Articoli correlati

458 eventi ECM organizzati, 3.340 ore di formazione effettuate, oltre 200mila crediti erogati a 27.587 partecipanti sono i numeri dell'attività dei provider che fanno parte del Coordinamento...


Tra gli strumenti formativi a disposizione di medici e dentisti per ottenere crediti formativi secondo il programma ECM vi è anche l'autoformazione, ovvero la formazione che il professionista...


Secondo la Commissione nazionale ECM il dossier formativo è la vera scommessa per dare qualità all'ECM, il discente dovrà proporre un piano di formazione agganciandosi alla...


Altri Articoli

Lo scrivevo qualche DiDomenica passato, l’abusivismo come lo intendevamo decenni fa è ormai storia, anche se ogni tanto le cronache ripropongono ancora i “fasti” del...

di Norberto Maccagno


Intervista ad Andreas Stavropoulos, nuovo presidente della Federazione Europea di Parodontologia


Incontro della Federazione Italiana delle Società di Odontoiatria per fare il punto sul ruolo delle Società Scientifiche odontoiatriche anche in funzione della qualità delle cure ai pazienti


La dott.ssa Giancarla Rossetti riprova a scrivere al Ministero per chiedere un intervento elencando gli “errori” contenuti nel decreto 101/2020


Le motivazioni della contestazione devono però essere dettagliate e l’indicazione del nominativo deve essere riportato solo sui messaggi pubblicitari


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
chiudi