HOME - Cronaca
 
 
30 Settembre 2006

Il mal di schiena e l’ergonomia

di C. Guastamacchia


Tutti i dentisti (igienisti, assistenti) senza eccezione, sono destinati al mal di schiena. Differente per epoca di insorgenza, tollerabilità, continuità, gravità, terapie più o meno efficaci, il mal di schiena non risparmia nessuno. Il mal di schiena parte da una disarmonia fondamentale del nostro lavoro riguardante la postura, in piedi o seduta che sia. La nostra postura ha due difetti: il lavoro monolaterale e la grande frequenza di condizione asimmetrica. Il primo difetto è, ovviamente, ineliminabile, il secondo, teoricamente (astrattamente?) eliminabile, è tuttavia costituito dal disassamento quasi fatale di tre linee: la bitemporale, la bis-acromiale e la bi-spinoiliaca.
Fiumi di consigli si sono susseguiti per suggerire e insegnare la “postura” migliore, ma la verità vera è che la “postura migliore” non esiste. Esiste (eccome se esiste!) la “postura peggiore”, che ha un nome e un cognome: si chiama postura statica prolungata. Se ne accorse oltre 25 anni fa Riessner (Riessner FE. Die Dinamiche Sitzweise. Quintessenz 12, 1979) quando suggerì ciò che, in seguito, è stato troppo trascurato anche da molti ergonomi, oltre che dal legislatore: infatti di questo suggerimento nulla si trova nella famosa “626”.
Cosa suggerì Riessner? Una cosa molto semplice: che ogni 8-10 minuti il dentista e la sua assistente cambiassero, anche di pochissimo, postura. Questo perché il vero guaio, da cui ha origine il mal di schiena, è quello della postura statica prolungata. Oggi, alla luce di quanto si è potuto constatare, (anche inserendo nei nostri principi ergonomici quanto proviene da altri campi), i consigli più pratici e operativi, sono i seguenti:
1. cambiare postura, anche di poco, ogni 8-10 minuti;
2. tra i cambiamenti includere anche momenti di postura all’impiedi;
3. non effettuare il lavoro seduto sempre con lo stesso seggiolino (non esistono seggiolini “perfetti”), ma alternarlo con almeno tre modelli durante il giorno e/o durante la settimana;
4. fare, almeno tre volte la settimana, sedute per esercizi di rinforzo della muscolatura addominale, con almeno 150-200 ripetizioni per seduta; una tonica muscolatura addominale, sia dei retti che degli obliqui, è la difesa fondamentale per i dischi intervertebrali e per tutta la colonna.
Naturalmente ognuno potrà perfezionare quanto suggerito, con trainer personali o studiando libri ad hoc sull’argomento, ma la sostanza del discorso è tutta nei quattro punti citati sopra. Questi valgono molto ma molto di più di un nuovo riunito o di un nuovo seggiolino… senza la postura dinamica. Riflettiamoci: l’ergonomia può davvero aiutarci più di qualunque diavoleria tecnologica o di qualunque rozza e semplicistica “626”. Ancora una volta sta a noi prevenire: prevenire, ovviamente, anziché dover, dopo, dolorosamente curare.



Tag

Articoli correlati

I 5 elementi da considerare per rendere il proprio studio un ambiente di lavoro piacevole e che allo stesso tempo offra al paziente una esperienza positiva. I consigli dell’Architetto Tradati di...


Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Il paziente vuole essere "trattato bene" e un atto professionale prestato in maniera integrata all'interno di un team costituito da dentista, assistente e igienista, la cura della squadra e...


Oene Hokwerda, illustre insegnante universitario olandese di ergonomia odontoiatrica, ha presentato al Congresso europeo di Cracovia (ESDE 30 maggio 2009) uno schema di addestramento per odontoiatri,...


Il Giornale dell’Odontoiatra compie 25 anni: in questi anni molto è cambiato nella professione odontoiatrica, in tutti i settori, molte discipline si sono affermate con sempre maggiore evidenza e...


Nella I parte di questo lavoro sono presi in esame i principi ergonomici che consentono all’odontoiatra di operare in tutta sicurezza, fatte salve le possibilità e i limiti fisiologici elaborati a...


Per rintracciarne le origini, c'è chi estremizza e risale addirittura all'australopiteco e alla sua abilità a costruire manufatti utili per svolgere al meglio alcune delle sue...


Si danno istruzioni per l’uso della strumentazione informatica digitale descritta nel Dossier precedente. Si fa riferimento sia alla strumentazione di base sia alle cosiddette periferiche, come...


Il lavoro ha lo scopo fondamentale di introdurre in odontoiatria il concetto di valore clinico della parte riguardante la comunicazione accanto al valore clinico della parte riguardante la...


cronaca     06 Dicembre 2007

DENTAL CADMOS si rinnova

Con il primo numero del 2008 DENTAL CADMOS presenta la sua nuova veste graficaIl Dossier Ergonomia della comunicazione digitale in odontoiatriaDental Cadmos n° 1/2008 (I parte: impostazioni...


cronaca     30 Novembre 2006

Ergonomia e informatica digitale

A cosa serve l’ergonomia, più o meno, ormai tutti lo sanno. Riassumiamo per gli smemorati: serve a risparmiare, soprattutto, tempo e movimenti, con l’ovvia conseguenza che il lavoro (tutto il...


O33cronaca     15 Novembre 2006

Ergonomia della prevenzione

L’ergonomia ha un sacco di princìpi, ma io, semplificando, ne descrivo tre: quello dei movimenti elementari, quello dell’economia dei movimenti e quello della “procedura operativa”. Sono...


Altri Articoli

Diventa operativo il decreto attuativo della legge Gelli, il testo regolamenta le polizze assicurative in materia sanitaria introducendo i massimali minimi a seconda della classe di rischio


Il progetto è finanziato dal Ministero della Salute tramite l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e contrasto delle malattie della povertà


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi