HOME - Lettere al Direttore
 
 
24 Giugno 2021

Vaccinazione obbligatoria ai sanitari: troppi i ''principi forzati''

Si dice preoccupato il presidente CAO di La Spezia nel vedere trasformare la pandemia in una “guerra ideologica” che porta a passare sopra a principi inviolabili e ruoli costituiti


Egregio Direttore, avevo riflettuto a lungo (nell’immediatezza del D.L. n.44/2021) se rendere pubbliche queste mie riflessioni o se riservarle ad un (possibile ed auspicabile) “dibattito interno” tra Presidenti di Albo, soggetti maggiormente responsabili nel “dare esecuzione ai provvedimenti sanzionatori nei confronti degli iscritti”.Il rispetto che porto all’Istituzione ordinistica (e al ruolo che, pro tempore, ricopro) mi aveva convinto circa la bontà della seconda ipotesi. 

Tuttavia la circolare n.135, emanata a pochi giorni dagli incontri assembleari dei Presidenti, ha fatto decadere la possibilità del “dibattito interno” preventivo. La Federazione ha preso posizione senza “ascoltare” la propria base: i 106 Presidenti provinciali.La lettura della circolare mi ha lasciato, eufemisticamente, deluso, perplesso e sbigottito. Deluso nel leggere che un “ente pubblico sussidiario dello Stato” che agisce (anche) al fine di “promuovere ed assicurare l’indipendenza, l’autonomia e la responsabilità delle professioni e dell’esercizio professionale”, la “salvaguardia dei diritti umani e dei principi etici dell’esercizio professionale indicati nel codice deontologico” si releghi al ruolo di “mero esecutore” di provvedimenti altrui. 

Perplesso perché il ruolo “ponzio pilatesco” di “mero esecutore” lascia trasparire un autoassolvimento/autoesenzione nei confronti di profili di responsabilità civile, che invece ritengo proprio continuino a sussistere, essendo il provvedimento di sospensione “adottato tempestivamente dalla competente Commissione di Albo” (la discussione sulla tutela delle responsabilità, invece, la riservo al “dibattito interno”). 

Sbigottito nel sentire richiamare l’art.3 del Codice Deontologico (la tutela della propria ed altrui salute) a fondamento deontologico per l’annunciata sospensione dall’esercizio professionale del medico non ottemperante all’obbligo vaccinale (ed allora come la mettiamo, ad esempio, con i medici fumatori? Il fumo è un cancerogeno certo!).
Ancor più sbigottito qualora si confrontino le motivazioni poste nella legge quali  premesse a tale obbligo, con le evidenze scientifiche risultanti per questo specifico caso. 

Vede, caro Direttore, su questa tragica situazione pandemica (per fortuna in via di risoluzione) si è allestita una “guerra ideologica” che di fatto sta minando i principi posti alla base della convivenza civile in uno Stato di diritto.

Ma i principi sono inviolabili e quelli di rango superiore a quello legislativo (dalla Costituzione alla Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea, passando per la Dichiarazione di Helsinki e la Convenzione di Oviedo), in uno “stato di diritto”, costituiscono l’unico limite a che la maggioranza “pro tempore” possa scardinare e sconvolgere la convivenza sociale e la società stessa, potendo sconfinare nell’arbitrio più assoluto, perpetrato “in nome della legge”.  

Non voglio fare paralleli o esempi storici. Quando tuttavia i “Principi” vengono “forzati” sento il dovere, proprio per il ruolo di tutore “pro tempore” che ricopro, di adoperarmi in tutte le sedi e con tutti i mezzi possibili a che tali “forzature” siano rimesse in discussione, con evidenti tutele anche nei confronti dei 106 Presidenti, che non si meritano assolutamente di essere considerati dei “meri esecutori”. 

Sandro Sanvenero: Presidente Commissione Albo Odontoiatri La Spezia 

Articoli correlati

Dalla questione dell’iscritto vaccinato con una o con due dosi ma che poi ha contratto il virus alla dottoressa in stato di gravidanza passando da come devono comportarsi gli iscritti residenti...


Federazioni ed Ordini dei sanitari si adeguano alla decisione dei Tar, rivisto il termine della sospensione anche per quelle già comunicate 


La giustizia amministrativa indica in 6 mesi il termine entro il quale effettuare la vaccinazione, il Ministero 90 giorni. In attesa di una precisazione ministeriale gli Ordini si adegueranno alle...


Confermato l’obbligo vaccinale per odontoiatri, igienisti dentali, Aso e personale di studio fino a fine anno. Ora il testo passa al Senato


Il caso di una operatrice sanitaria spagnola fa scuola. Le considerazioni dal Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive


Altri Articoli

L'aumento dell'autoconsumo di questo gas soprattutto nei giovani e negli adolescenti dovrebbe essere considerato un grave problema di salute pubblica. Le rassicurazioni...


Diventano operative le norme del nuovo profilo e gli esoneri al conseguimento dell’attestato di qualifica. Possibile organizzare i corsi “ridotti” per sostenere l’esame


ANDI ha sentito una serie di politici dei principali partiti in lotta nella campagna elettorale, chiedendo su quali punti si impegnano a sostenere il settore


Le raccomandazioni contenute nel nuovo Piano Nazionale di Contrasto all'Antibiotico Resistenza (Pncar) 2022-2025 del Ministero della Salute


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi