HOME - Normative
 
 
09 Novembre 2017

Odontoiatri e fatturazione di prestazioni di natura estetica. I consigli del commercialista


Non sono pochi gli odontoiatri che negli ultimi anni si sono avvicinati a prestazioni rientranti nel campo della medicina estetica, ovviamente limitatamente alla zona periorale.

Dell'argomento se ne è parlato sabato 21 ottobre a Torino durante un evento organizzato dalla locale OMCeO dal titolo: "L'estetica del sorriso e l'estetica del viso".

"La questione dei trattamenti estetici negli studi odontoiatrici non è solo dibattuta dal punto di vista clinico e deontologico -ricorda ad Odontoiatria33 Patrizia Bianucci, componente Commissione Albo Odontoiatri Torino- ma anche da quello fiscale".

Proprio su questo aspetto interviene il dott. Federico Moine e la dott.ssa Stefania Branca (consulenti fiscali ANDI Torino) chiarendo come dal punto di vista fiscale "è necessario prestare particolare attenzione, in quanto si può facilmente incorrere in errori di fatturazione, con conseguenze sanzionatorie non da poco".

"Ci si riferisce -ha chiarito- in particolare all'ambito IVA, in quanto soltanto le prestazioni connesse alla tutela della salute della persona e svolte da soggetti iscritti all'Albo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, possono essere fatturate in esenzione da IVA".

In altri termini, specifica, se lo scopo delle prestazioni di natura estetica non è odontoiatrica ma di natura puramente cosmetica, la fattura deve essere assoggettata ad IVA del 22%.

Ai fini della corretta fatturazione, va dunque indagata la natura terapeutica della prestazione, fondando la stessa su considerazioni di natura medica, connesse ontologicamente al benessere psico-fisico del soggetto che riceve la prestazione, cioè del paziente.

"La posizione sopra indicata -ricordano gli esperti- è richiamata sia dall'Agenzia delle Entrate nella Circolare n.48/E del 28.01.2005, sia da più recenti sentenze della Corte di Giustizia Europea, che hanno posto l'accento sui concetti di tutela, mantenimento e cura della salute delle persone, rilevando che i problemi di salute possono essere anche di natura psicologica. In ogni caso, tale valutazione va effettuata da un soggetto qualificato, quale il medico o l'odontoiatra".

"La raccomandazione -continuano- è unicamente quella di verificare di volta in volta la natura dell'intervento estetico, assoggettandolo al corretto trattamento IVA. Ricordiamo anche che il fatto di assoggettare talune prestazioni ad IVA non è una penalizzazione per l'odontoiatra, in quanto da ciò consegue il diritto alla detrazione parziale dell'IVA sugli acquisti (cioè sui costi sostenuti), in misura proporzionale".

"Infine -concludono- un'ultima considerazione riguarda un quesito che ci viene sovente posto e cioè se l'odontoiatra possa anche vendere prodotti legati all'attività da egli svolta, ad esempio in ambito di odontoiatria estetica. La risposta è negativa, poiché all'odontoiatra è precluso dalle norme deontologiche lo svolgimento di attività commerciale".



Articoli correlati

Le indicazioni delle Entrate, passo dopo passo, per compilare la prima fattura elettronica utilizzando gratuitamente il servizio web messo a disposizione dall’Agenzia 


Quando si deve annotare il pagamento in fattura, quando invece non è necessario e quale data deve riportare il documento fiscale. Le indicazioni del commercialista


Dal primo luglio anche i forfettari dovranno adottare la fatturazione elettronica. Rimane il divieto di emettere fattura elettronica ai pazienti


Modificati alcuni articoli della 81/08, anche il datore di lavoro dovrà formarsi (anche se RSPP). Ok a proroga esenzione fatturazione elettronica e via libera dalla Camera alla copertura...


Lo prevede un emendamento alla Legge di bilancio appena approvata dal Senato. Da gennaio cambiano anche le scadenze per l’invio dei dati al Sistema tessera Sanitaria


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi