HOME - Normative
 
 
21 Giugno 2021

Sanitario non vaccinato, il Ministero indica il ruolo dell’Ordine nella sospensione

Interrogato dalla FNOMCeO chiarisce che è l’ASL a determinare la sospensione, l’Ordine ha il compito di mero esecutore

Nor. Mac.

Secondo il report settimanale della Presidenza del Consiglio dei Ministri al 18 giugno 2021 sarebbero 45753 (2,36% del totale) gli operatori sanitari obbligati alla vaccinazione che non hanno ottenuto neppure una dose, il 2,36% del totale. Ma il dato è decisamente in difetto mancando dal report i dati di: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Molise, Provincia Autonoma di Bolzano, Sardegna, Toscana, Valle D’Aosta e Veneto. 

Come previsto dalla Legge 76/2021, i sanitari che non si sottopongono a vaccinazione devono essere destinati a servizi che non comportino il contatto con i pazienti e se questo non è possibile sospenderli da lavoro. Per i liberi professionisti, sarà invece l’Ordine a doverli sospendere.  FNOMCeO che nei giorni scorsi ha interrogato il Ministero “per acquisire l’esatta interpretazione degli obblighi normativi scaturenti dalle disposizioni su menzionate al fine di fornire precisi indirizzi agli OMCeO territoriali”.

 Ministero che attraverso la risposta datata 17 giugno, “ha definitivamente chiarito la natura della sospensione dall’esercizio professionale dei professionisti che non ottemperino all’obbligo vaccinale e i conseguenti provvedimenti che gli Ordini devono adottare”, spiega la FNOMCeO in una nota inviata ai presenti OMCeO e CAO. 

Secondo il Ministero della Salute, la Legge (art.4 comma 6) attribuisce all’Azienda Sanitaria “il compito di accertare la mancata osservanza dell’obbligo vaccinale dalla quale discende la sospensione ex lege dall’esercizio della professione sanitaria e dalla prestazione dell’attività lavorativa”.  

L’accertamento di mancata vaccinazione viene comunicato dalla ASL all’interessato, al datore di lavoro e agli Ordini professionali perché ne prendano atto e adottino i provvedimenti e le misure di competenza.  

Il successivo comma 7, indica la nota del Ministero, stabilisce che la sospensione è comunicata immediatamente all’interessato dall’Ordine professionale.  

“Emerge con chiarezza -sottolinea la FNOMCeO ai presidenti degli Ordini territoriali- che una volta ricevuto l’atto di accertamento della ASL l’Ordine e, nello specifico, la competente Commissione d’Albo deve adottare tempestivamente delibera di Commissione avente carattere di mera presa d’atto della sospensione del professionista interessato riportando l’annotazione relativa nell’Albo”. 

Quindi è l’ASL a determinare la sospensione. 

Per questo FNOMCeO ribadisce che “l’Ordine  si  trova nei confronti dell’accertamento della ASL in una posizione di mero esecutore rispetto a provvedimento adottato da altro soggetto giuridico conseguentemente al quale deve  necessariamente dar seguito e contemporaneamente deve dare comunicazione all’interessato degli effetti che dall’atto di accertamento della ASL discendono che consistono nella sospensione temporanea dall’esercizio della professione fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o comunque non oltre il 31 dicembre 2021”. 

Iscritto che, indica il Ministero, non potrà quindi fare ricorso nei confronti al provvedimento di sospensione alla CCEPS (peraltro ancora non nominata) ma solo proporre ricorso amministrativo al TAR nei termini di 60 gg. dalla data di notifica.   

Articoli correlati

Dalla questione dell’iscritto vaccinato con una o con due dosi ma che poi ha contratto il virus alla dottoressa in stato di gravidanza passando da come devono comportarsi gli iscritti residenti...


Federazioni ed Ordini dei sanitari si adeguano alla decisione dei Tar, rivisto il termine della sospensione anche per quelle già comunicate 


La giustizia amministrativa indica in 6 mesi il termine entro il quale effettuare la vaccinazione, il Ministero 90 giorni. In attesa di una precisazione ministeriale gli Ordini si adegueranno alle...


Confermato l’obbligo vaccinale per odontoiatri, igienisti dentali, Aso e personale di studio fino a fine anno. Ora il testo passa al Senato


Il caso di una operatrice sanitaria spagnola fa scuola. Le considerazioni dal Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi