HOME - Cronaca
 
 
11 Marzo 2022

Ucraina: nasce il problema del riconoscimento del diploma di laurea per i profughi odontoiatri

L’Associazione Andiamoinordine scrive al Ministro Speranza: colleghi ucraini vorrebbero poter lavorare in Italia, ma i tempi per il riconoscimento sono lunghi. Impossibilitati anche a lavorare come ASO


La guerra in Ucraina sta costringendo alla fuga milioni di cittadini che trovano ospitalità in tutti i Paesi europei, Italia compresa. Tra questi anche dentisti, soprattutto donne, che vorrebbero collaborare negli studi odontoiatrici italiani in modo da poter lavorare anche per non dover dipendere per il proprio sostentamento dalla beneficenza ed assistenza che gli Italiani stanno attivando. 

A porre il problema, la Presidente di una Associazione di Dentisti Ucraini, la dott.ssa Larisa Filippenkova, che ha coinvolto l’Associazione Culturale Andiamoinordine impegnata in azioni di solidarietà, chiedendo la disponibilità di poter impiegare i “colleghi odontoiatri rifugiati” costretti a lasciare l’Ucraina. Però c’è il problema del riconoscimento del titolo di studio necessario per poter esercitare in un altro Stato. In particolare sono i tempi previsti dalle procedure ad essere incompatibili con la possibilità di lavorare, subito, in Italia.

Se già il riconoscimento di un titolo conseguito in un paese UE non è immediato, mediamente ci vogliono 4 mesi, per quello di un paese extra UE è decisamente più lungo. 

Per questo motivo l’Associazione Andiamoinordine ha scritto al Ministro della Salute Roberto al fine “di mettere in atto quanto in suo potere perché gli uffici preposti diano risposte certe in tempi ragionevoli ai Colleghi Odontoiatri ucraini che richiedano il riconoscimento del titolo”, scrive il presidente dell’Associazione Nunzio Cirulli

Molti di loro –spiega- chiedono anche nelle more del riconoscimento, di poter lavorare come Assistenti alla poltrona di Studio odontoiatrico (A.S.O.) presso gli studi dentistici in Italia”. 

Ma anche questo non è possibile perché serve l’attestato di qualifica, anche se fino al 20 aprile 2022 lo studio odontoiatrico può ancora assumerne un ASO privo di attestato di qualifica.  

Per questo motivo Cirulli chiede al Ministro “di verificare la possibilità di esonerarli dal conseguimento dell’attestato di qualifica regionale prevista ai sensi della normativa vigente”. 

Articoli correlati

Per il prof. Di Lenarda è una occasione per valorizzare l’eccellenza dell’Accademia italiana. Baldessin (EDRA), un ulteriore strumento sviluppato per favorire ed agevolare la diffusione del...


Il prof. Gagliani torna sul Decreto Messa – Speranza, ipotizza alcuni numeri e ritiene che se si vuole veramente rendere la riforma reale, “dovremo anche ripensare al modello di Odontoiatria...

di Massimo Gagliani


Il prof. Massimo Gagliani commenta il decreto che istituisce la laurea abilitante per odontoiatria evidenziando alcuni problemi tra cui quello di fondo: “sconfiggere la finzione e trasformarla in...

di Massimo Gagliani


Siamo nel marzo 2020, scoppia la pandemia ed il Governo non solo si accorge che manca personale sanitario, soprattutto medici, ma che c’erano un buon numero di laureati in medicina che non...

di Norberto Maccagno


Per conoscere come potranno fare gli studenti iscritti ai corsi che richiedono la frequenza obbligatoria, ai corsi a numero programmato a livello nazionale, si dovrà attendere un decreto...


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi