HOME - DiDomenica
 
 
24 Marzo 2019

La pubblicità che fa bene ai denti ed il Ministero che si dimentica dei denti

Norberto Maccagno

Giornata internazionale della felicità, Giornata internazionale delle Foreste, Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale, Giornata mondiale della pace interiore, Giornata mondiale della Poesia, Giornata mondiale della Sindrome di Down, Giornata mondiale dell’acqua, Giornata mondiale della meteorologia, Giornata mondiale della tubercolosi, ma si è celebrato anche il Tiramisù Day (21 marzo). 

Queste sono alcune delle Giornate dedicate a qualche tema, più o meno importate, che si sono celebrate nella sola settimana che si è appena conclusa, e sicuramente me ne sono sfuggite alcune. Tra queste, il 20 marzo si è celebrata la Giornata Mondiale della Salute Orale promossa da FDI. 

Leggendo l’elenco delle Giornate, il dubbio sulla loro efficacia è legittimo. Lo scopo di dedicare una giornata ad un tema è quello di attirare l’attenzione mediatica verso quella problematica specifica, è la scusa per parlare della questione.
Con il proliferare delle Giornate le probabilità che i media parlino del tema “celebrato” si è affievolito sempre di più: se ogni giorno ha una o più Giornata speciale, alla fine il rischio è che nessuna sia veramente speciale. 

Certamente rimane l’attenzione su temi sentiti –AIDS, Cancro, etc- mentre per le altre la visibilità è dettata dalla capacità degli uffici stampa di sensibilizzare i singoli media o dalla “stravaganza” della Giornata che porta sempre attenzione. 

quella della Salute Orale

Non è stata certamente protagonista dei titoli dei telegiornali e dei quotidiani nazionali, ma grazie alle iniziative attivate, i dentisti sono andati tra i cittadini a parlare di salute orale. ANDI ha puntato sulla promozione della prevenzione dei più piccoli e non solo con un evento a Roma insieme ad ENPAM, Università, Studenti ed in alcune città nei Mediastore Mondadori. AIO è stata e sarà presente in molte città con un programma di iniziative che si sviluppa in più fine settimana. E sicuramente iniziative analoghe sono state attivate da altre associazioni e società scientifiche del settore.

Parlare di salute orale è sempre un fatto positivo e tutte le occasioni sono da sfruttare per farlo.

Il motto creato oramai quarant’anni fa del “Pervenire è meglio di curare” legato al Mese della Prevenzione Dentale, è diventato un assunto utilizzato per tutte le branche della medicina. Gli esperti di prevenzione dentale ammettono che la buona salute orale che oggi distingue i sorrisi di molti 40-50 enni è frutto del fatto che negli anni sessanta e settanta a convincere i nostri genitori di farci lavare i denti è stata la pubblicità, prima che il dentista. Oggi molti esperti di marketing sostengono che le pubblicità di Catene o singoli dentisti che invitano ad effettuare una visita di controllo, spinge molti pazienti a fare un salto dal dentista, e non sempre da quello pubblicizzato. 

In tema di promozione alla salute orale e visite di controllo gratuite si dovrà, però, valutare se le nuove norme consentiranno di continuare a promuovere le campagne che in questi decenni hanno prodotto successi in tema di prevenzione. Magari lo scontro in atto sul tema della pubblicità porterà qualcuno ad invocare le recenti sentenze in tema di visite gratuite e pubblicità per appuntare che il Mese della Prevenzione è una iniziativa che promuove solo singoli dentisti (quelli ANDI aderenti) e determinati prodotti per l’igiene orale (quelli Mentadent).  

Diatribe sindacali a parte, iniziative come La Giornata della Salute orale, L’Oral Cancer Day, Il Mese della Prevenzione Dentale e tutte quelle che vengono attivate per promuovere comportamenti che aiutano a migliorare l’attenzione verso la prevenzione e la cura, sono da incentivare e sostenere. 

Da molti anni si parla della necessità di attivare, sotto l’egida del Ministero della Salute, una campagna nazionale di promozione alla salute orale. Ma nulla fino ad oggi è stato fatto, si è sempre detto che mancano i fondi adeguati, che però lo stesso Ministero trova per altre campagne. 

Su questo tema -la promozione alla salute orale- il Ministero si è spesso dimostrato poco attento e non solo perché non aderisce ad iniziative come quella della Giornata della Salute Orale (magari non è stato coinvolto) o perché non ne attiva delle proprie.
La poca attenzione del Ministero verso la promozione alla salute orale, la notiamo anche quando vengono attivare campagne di sensibilizzazione che toccano anche temi odontoiatrici. 

Non voglio tornare sul tema del DiDomenica scorso e sulla necessità per il settore di un progetto unico che consideri tutte le questioni odontoiatriche, e non la singola questione: ma anche in tema di promozione alla salute, l’attenzione dovrebbe essere a 360 gradi

Il 20 marzo, Giornata della Salute Orale, il Ministero della Salute pubblicava sul proprio sito la notizia dell’istituzione di un “Tavolo tecnico per migliorare la salute dell’anziano per gli aspetti nutrizionali”. Tavolo tecnico che, ci scommetto, non parlerà con quello attivato sull’Odontoiatria. 

E così nell’affrontare i problemi di “fragilità nutrizionale”, si parlerà di cibo, di alimenti, ma probabilmente ci si dimenticherà che per masticare ci vogliono i denti e dei problemi connessi all’utilizzo di una protesi soprattutto se non si è autosufficienti, magari in strutture per anziani dove, mi spiegate voi, anche la sola pulizia della dentiera è un problema.  

Altro esempio di come si lavori a compartimenti stagni può essere l’ultima campagna di promozione della salute attivata dal Ministero nel mese di marzo: Settimana della salute web. Tra i progetti promossi c’è: “La salute entra in classe Maestra Natura”. Un manifesto indica i consigli per una corretta alimentazione per i ragazzi: “variare gli alimenti; bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno; preferire alimenti poco trasformati; fare attenzione all’origine degli alimenti; suddividere il cibo in 4-5 pasti”. 

E aggiungere al fondo una frase del tipo: … “e dopo ogni pasto lavarsi sempre i denti” non sarebbe stato utile? 

Non è una questione di mancanza di fondi, serve solo pensarci.    

Articoli correlati

Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


L’evoluzione dell’odontoiatria al digitale è decisamente interessante anche per uno come me che la conosce solo dai racconti di chi la usa.  Vedere come professioni tipicamente manuali,...

di Norberto Maccagno


didomenica     17 Luglio 2022

POS e la sanzione a chiamata

La questione dell’obbligo del Pos non ha mai particolarmente preoccupato gli odontoiatri che da sempre lo considerano non solo un servizio per i propri pazienti ma anche uno strumento utile per...

di Norberto Maccagno


Siamo nel marzo 2020, scoppia la pandemia ed il Governo non solo si accorge che manca personale sanitario, soprattutto medici, ma che c’erano un buon numero di laureati in medicina che non...

di Norberto Maccagno


Le considerazioni che trovate in questo DiDomenica mi sono venute in mente durante l’Evento UNIDI per presentare i dati dello Studio di settore. Dalla sala è stato chiesto se la crisi alimentare...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi