HOME - Gestione dello Studio
 
 
27 Settembre 2022

Benefit per il lavoratore: convengono fiscalmente e fidelizzano la collaborazione

Dai “fringe benefits” al bonus carburanti, questi i benefit che possono essere erogati ai dipendenti. Prof. Pelliccia: strumenti che gratificano e responsabilizzano il collaboratore


Gratificare il lavoratore attraverso un “premio” in denaro per aver svolto il proprio lavoro con particolare attenzione e dedizione ma anche per dargli un segno tangibile che i buoni risultati ottenuti sono anche merito suo, può essere economicamente poco conveniente sia per il lavoratore che per l’azienda. 

Negli anni sono stati introdotti una serie di strumenti che posso essere utilizzati con lo stesso obiettivo senza concorrere a formare il reddito del lavoratore e possono essere totalmente detratti fiscalmente dall’azienda. 

Tra questi i “fringe benefits” che per il 2022 sono ancora più convenienti grazie al Decreto Aiuti-bis, appena approvato in via definitiva dal Parlamento, che ha alzato la soglia di esenzione da tasse e contributi per i benefit aziendali (fino al 31 dicembre 2022) passando da 258 euro a 600 euro. 

Ma non solo, tra le modifiche introdotte con il Decreto, anche la possibilità di far rientrare nei benefit -oltre ai buoni spesa, buoni carburante, buoni per negozi di abbigliamento, abbonamento per trasporti pubblici, assistenza sanitaria, contributo per asilo o la scuola del figlio, cellulare ed altro- anche le somme che i datori di lavoro decidono di erogare ai dipendenti per il pagamento delle utenze domestiche (acqua, luce e gas). 

Da ricordare che alla soglia dei 600 euro il datore di lavoro può anche aggiungere, fino al 12 gennaio 2023, i 200 euro per il bonus carburante. (si veda il nostro approfondimento) Datore di lavoro non solo può decidere la cifra da erogare (i 600 euro sono il massimo erogabile ottenendo i benefici fiscali) ma anche di concederli ad un singolo dipendente e non a tutti i dipendenti. 

L’erogazione di questi benefit –spiega ad Odontoiatria33 il prof. Antonio Pelliccia esperto di comunicazione e gestione aziendale in particolare nel settore odontoiatrico- non solo gratifica il lavoratore che si sente maggiormente stimolato e riconosciuto, ma favorisce il raggiungimento di alti livelli di performance e produttività”. “Motivazione, benessere e fidelizzazione del personale sono fattori fondamentali che per lo studio odontoiatrico rappresentano l’incontro con il mercato, e quindi con il paziente”, sottolinea. 

Una misura che si può tradurre in uno strumento utile nella gestione delle risorse umane, incentivando la motivazione e la fidelizzazione dei propri dipendenti”, continua il prof. Pelliccia che aggiunge. “Stiamo già supportando alcuni nostri clienti nell’individuare la soluzione più adatta, conciliando in modo flessibile ed integrato gli aspetti normativo fiscali al contesto organizzativo ed agli obiettivi di management dello studio, al fine di massimizzare la soddisfazione dei dipendenti e l’efficacia delle strategie manageriali per il successo professionale”.    


Articoli correlati

E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


Rimborsi in arrivo, scadenze e altri avvisi personalizzati. L’Agenzia comunica con i cittadini anche sull’App IO


Queste le regole per raccogliere il 60% dei crediti attraverso autoformazione, formazione individuale, tutoraggio e pubblicazione articoli scientifici


I contratti tra collaboratori odontoiatri ed igienisti dentali e titolari dello studio devono essere redatti a tutela di entrambi, ma quali sono le caratteristiche anche in...


10 ore di aggiornato valido per l’assolvimento dell’obbligo annuale. Update circa la gestione delle attrezzature ed i macchinari presenti in uno studio odontoiatrico


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Per la Presidente SIOF è “un provvedimento atteso che introduce un regolamento più chiaro sulle polizze obbligatorie per coloro che esercitano la professione sanitaria”. ...


AIO: come medico curante l’odontoiatra deve redigere il certificato di malattia, se non avviene vi è il rischio di incorrere in un procedimento disciplinare aperto...


Cambia il modello 730 precompilato, sarà utilizzabile anche dagli autonomi. Chi lo adotta potrebbe evitare verifiche ma mancano ancora chiarimenti. Già possibile verificarlo...


Altri Articoli

Etica ed estetica nell’ambito odontoiatrico sono strettamente legate; entrambe sono cruciali per garantire cure efficaci e rispettose dei pazienti. E’ il tema affrontato in...

di Dino Re


A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Intervista con Karim Boussebaa, Executive Vice President and Managing Director, iTero Scanner and Services Business di Align Technology


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi