HOME - Ortodonzia e Gnatologia
 
 
12 Febbraio 2024

Ortodonzia e parodontologia dell’età evolutiva

Il libro (Edra) di Maria Giacinta Paolone e Roberto Kaitsas mette al centro il trattamento ortodontico del bambino, determinante in un processo di promozione precoce della salute parodontale, estetica e psicologica del futuro adulto


Maria Giacinta Paolone e Roberto Kaitsas Maria Giacinta Paolone e Roberto Kaitsas

Dai piccoli agli adolescenti, teenager inclusi, per loro, oggi, l’ortodonzia parodontalmente guidata in età evolutiva è ancora attuale. A 6, 8, persino a 16 anni.

Ecco perché.

Malgrado la velocità, i nuovi valori e il ritmo di vita nella nostra epoca, l’impegno di un trattamento ortodontico per il bambino e per la famiglia ha tuttora una giustificazione molteplice, non solo per la crescita, ma per la promozione precoce della salute parodontale, estetica e psicologica del futuro adulto.

Di questo tratta il manuale edito da Edra Ortodonzia e parodontologia dell’età evolutiva” di Maria Giacinta Paolone e Roberto Kaitsas di cui riportiamo di seguito un estratto.


Risolvere una malocclusione nell’età evolutiva vuol dire regalare per sempre all’adulto di domani un viso, la coscienza della sua estetica facciale e della potenza relazionale che ne deriva, la salute orale e occlusale, il sorriso.

Questo vuol dire far crescere nel bambino il concetto del sé solido dal punto di vista psicologico, estetico, sociale, rendere edotto il paziente su come la salute parodontale tuteli la salute sistemica e su come l’ortopedia facciale costruita insieme, la fatica, il tempo, lo stress abbiano una legittimazione e una portata estetica e sociale (fig. 1).


Figura 1


La valutazione integrata dei fattori di rischio futuri di malattia parodontale, di problematiche muco-gengivali, di sospetti sistemici e auxologici, punto cardine della terapia parodontale, viene valutata e inserita nel piano di trattamento del bambino con il p-OPRA (pediatric-Ortho-Perio-Risk Assessment).

Sempre nell’ottica ortodontico-parodontale, si devono affrontare le ritenzioni dentali da un punto di vista diagnostico e intercettivo prima e terapeutico dopo, rispettando in tutte le fasi la gestione dei tessuti molli nell’approccio chirurgico di tali elementi, negli incisivi, nei canini (i più frequentemente inclusi), fino ai premolari e ai molari (figg. 2, 3).


Figura 2


Figura 3


La stessa attenzione orto-parodontale va posta nei casi di alterazioni di numero, agenesie e iperdonzie nella prospettiva dell’approccio parodontale e della crescita dei giovani pazienti.

L’approccio orto-parodontalmente guidato consente in età evolutiva la risoluzione delle problematiche ortopediche facciali trasversali, sagittali e verticali e il loro trattamento clinico nel rispetto della salute parodontale e nella formazione precoce di una consapevolezza della salute parodontale nel bambino punto cardine della fase I del trattamento parodontale (fig. 1).

Nel trattamento dei piccoli pazienti affetti da un rischio di inclusione dentaria si dovrebbe tenere in considerazione, sotto un’ottica particolarmente importante, un’analisi dei costi-benefici che giustifichi l’esperienza del dolore e garantisca una percezione di un bilancio positivo e risolutivo dell’evento da parte del paziente e dei genitori (fig. 4).


Figura 4


La gestione ortodontica intercettiva allo stadio di dentatura mista per minimizzare la complessità e le eventuali complicanze in un approccio più tardivo deve prendere in considerazione l’entità di questo impegno per il bambino e la famiglia poiché include spesso sia l’approccio intercettivo-ortodontico che quello chirurgico (fig. 5).


Figura 5


Il timing radiografico, le valutazioni millimetriche e angolari devono integrare l’analisi clinica ortodontico-chirurgica (fig. 6).


Figura 6


Da un punto di vista radiografico possono essere necessari esami di secondo livello come la CBCT con la quale il trattamento chirurgico viene pianificato 3D nei minimi dettagli (fig. 7).


Figura 7


Il protocollo ortodontico di gestione e mantenimento dello spazio nei pazienti affetti da rischio inclusione, l’ancoraggio con tecniche anche di impostazione linguale e TADS e le fasi chirurgiche sono parte integrante del protocollo delle sequenze cliniche (fig. 8).


Figura 8


Il nostro protocollo è volto al mantenimento del perimetro d’arcata. Il punto è la gestione dello spazio dove l’elemento a rischio di inclusione possa crearsi il suo tragitto e la sua eruzione fisiologica, prevenendo riassorbimenti ai denti adiacenti, nel rispetto dei tessuti parodontali, eventualmente guidati dall’approccio chirurgico (fig. 9).


Figura 9


Questa metodica combinata porta a un trattamento orto-parodontale-chirurgico volto a ottenere il più precocemente possibile la salute orto-parodontale del piccolo paziente che sarà l’adulto di domani.

Le idee, le applicazioni biomeccaniche e funzionali, le tecniche chirurgiche, le strategie parodontali, le richieste del piccolo paziente e dei suoi genitori, i piani di trattamento devono essere visti sotto un’ottica integrata e sviluppati attraverso lo studio della letteratura, nostra guida costante e alla quale tutti i piani di trattamento fanno riferimento.

Sinergia fra le due specializzazioni significa affrontare il protocollo di lavoro e di inter-relazione fra le varie discipline in modo biunivoco con un aggiornamento e un potenziamento reciproci e quotidiani fra clinici, affinché la tradizione si sposi con le nuove tecnologie, nei trattamenti mirati a intercettare e risolvere precocemente i denti a rischio di ritenzione e inclusione, a risolvere le agenesie e le iperdonzie nel rispetto auxologico e parodontale, a trattare ortopedicamente malocclusioni con discrepanze trasversali, sagittali, verticali e, soprattutto, a individuare precocemente nel piccolo paziente ortodontico e nell’adolescente, spesso il cui unico referente odontoiatrico e medico è l’ortodontista, l’intercettazione precoce dei fattori di rischio parodontali, odontoiatrici e sistemici.

Articoli correlati

Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


La multidisciplinarietà in odontoiatria rappresenta in molte situazioni la chiave del successo per risolvere casi clinici particolarmente complessi. La gnatologia è una delle...

di Dino Re


Fallita l’azienda texana che vendeva online gli allineatori fai da te. Ora i pazienti si trovano senza assistenza e con le rate da pagare


In questo incontro di Clinical Arena affrontiamo una tematica in continua trasformazione, l’ortodonzia “pediatrica”, detta anche ortodonzia dell’età evolutiva. Terapia...

di Dino Re


prodotti     24 Novembre 2023

Innovative soluzioni ortodontiche

Bite ramps posteriori per il trattamento dei casi di morso crociato e morso aperto anteriore e per l’esecuzione di movimenti difficili, nuova versione del software di...


Lo studio valuta le opzioni terapeutiche per la ricostruzione della papilla interdentale persa e la loro efficacia

di Lara Figini


Guarda e vota il Poster presentato al Congresso SIE da: F. Mattalia, M. Alovisi, Y. Jacot-Descombes, C. Bianchi, L. Pasinato, D. Pasqualini, E. Berutti


cronaca     17 Novembre 2023

Gengive sane per salvare il sorriso

Presentato alla Camera il progetto SIdP e CAO. Obiettivo: la sensibilizzazione di odontoiatri, medici di famiglia e igienisti dentali, ma anche delle istituzioni e dei cittadini ...


L'effetto di un nuovo dentifricio, contenente fluoruro stannoso con il 2,6% di acido etilendiammina tetra acetico (EDTA) come agente antitartaro, per ridurre l'indice di placca...

di Lara Figini


Questo studio ha lo scopo di analizzare l'associazione tra 25(OH)D3, un precursore della vitamina D serica, e la malattia parodontale

di Lara Figini


Come riconoscere la presenza di diverse condizioni cliniche grazie all’attenta analisi della superficie dentale del paziente


Alcuni casi clinici dagli autori del libro EDRA: “Incappucciamento diretto della polpa dentale, procedure e tecniche operative per preservare la vitalità pulpare”


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi