HOME - Approfondimenti
 
 
09 Marzo 2022

Aio fa il punto sulle (auspicate) modifiche alla normativa sulla radioprotezione

Savini: non basta dire di voler fare, stiamo creando le condizioni per convincere il legislatore che quanto chiediamo non altera lo spirito della norma europea


Egregio Direttore, a seguito dell'articolo sulle previsioni errate del decreto 101/2020 pubblicato sul suo quotidiano il 2 marzo u.s., speriamo che le nostre varie Associazioni chiedano al Ministero, nei 24 mesi previsti per le rettifiche del testo di recepimento della direttiva, di cancellare l'obbligo dell'annualità del CQ eliminando un errore evidente che la pubblicazione RP 136 (il cui riferimento è indicato dal decreto 101) prevede come triennale per gli apparecchi radiografici 2D”. 

Questo è il testo, copia incolla, che alcuni lettori (firmandosi) ci hanno inviato in questi giorni via mail. 

Sul tema della normativa sulla radioprotezione (101/2020), fin dalla sua entrata in vigore (agosto 2020), Odontoiatria33 ha dato notizia degli adempimenti previsti ed attraverso le voci degli esperti ha cercato di capire come lo studio odontoiatrico doveva muoversi. In questi mesi non sono mancati anche gli interventi che evidenziavano le criticità della sua fase applicativa. Tra queste quella del controllo annuale degli apparecchi radiografici. 

Per capire come le Associazioni si stanno muovendo, abbiamo interpellato il Segretario sindacale nazionale AIO Danilo Savini (nella foto). 

Ovviamente il nostro lavoro a tutela della professione che anche noi dirigenti associativi esercitiamo è cominciato negli incontri con i referenti ministeriali nella fase di recepimento della normativa europea dove abbiamo esposto le nostre criticità, e non solo sulla questione della verifica annuale”, spiega ad Odontoiatria33 Savini che aggiunge: “fare presente purtroppo non garantisce che poi tutto venga accolto”.  “Alcune cose siamo riuscite ad ottenerle, per esempio in un primo tempo si voleva escludere dall’utilizzo della CBCT gli studi odontoiatrici, altre no”. 

Si fa presto –continua- ad invocare, promettere, annunciare l’intervento legislativo per modificare la scadenza, molto più difficile è ottenerlo”, dice il segretario AIO. “Serve un lavoro di preparazione e di condivisione, non basta un parlamentare che presenta un emendamento ad hoc”, dice il Segretario AIO. 

Sulla specifica questione dei controlli annuali, Savini spiega che AIO ha subito interpellato il CED per realizzare una survey che consentisse di sapere con certezza come gli altri Paesi europei hanno legiferato in materia. “Il regolamento europeo da cui la 101/2020 nasce, invita gli Stati membri ad indicare la periodicità dei controlli, non definisce una scadenza precisa”.
Stando ai dati rilevati, i Paesi nei quali la verifica non è annuale come l’Italia sono: Germania (ogni 5 anni), Austria (ogni 4), Finlandia ed Ungheria ogni 2.  

Con questi dati, AIO si si rivolgerà ministeri competenti chiedendo in primo luogo quale e stata la ratio che ha portato il legislatore italiano ad indicare la scadenza annuale. “La norma –spiega Savini- consente allo Stato italiano di stabilire il controllo annuale, noi stiamo cercando di fare capire che per lo studio odontoiatrico, per l’utilizzo che ne fa di queste apparecchiature è una scadenza troppo ravvicinata, inutile, che la sicurezza dei pazienti e di noi operatori è garantita anche se il controllo è a 3 o 5 anni. Per farlo portiamo indicazioni precise, come le normative di recepimento degli altri Paesi e i dati forniti dalla comunità scientifica in materia”. 

Parallelamente all’interlocuzione ministeriale, conclude Savini, AIO sta lavorando con la politica per creare le basi per una rettifica legislativa oltre che per una vera e propria revisione della Legge, anche se quest’ultima, per il Segretario AIO, è più difficile da ottenere.   

Articoli correlati

Se ne è discusso durante la Tavola rotonda organizzata da RAD in Expodental Meeting. Guarda la registrazione


La dott.ssa Giancarla Rossetti riprova a scrivere al Ministero per chiedere un intervento elencando gli “errori” contenuti nel decreto 101/2020


Alcune considerazioni del dott. Balduzzii sulla formazione sulla radioprotezione necessaria per ottemperare al decreto 101/20  e quella necessaria per la sicurezza sul lavoro


Appena sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale diventeranno operative le nuove scadenze previste per registrazione dei radiografici al portale STRIMS e nuovo limite per i pagamenti in contanti


La Camera approva il Milleproroghe che passa al Sentato per il via libera definito senza modifiche entro fine mese. Le novità d’interesse odontoiatrico


Altri Articoli

Nicola Maria Grande, presidente AIE

I partecipanti avranno l’opportunità di seguire sessioni teoriche e pratiche tenute da relatori internazionali e di esercitarsi successivamente su preparati anatomici umani ...

di Lorena Origo


Professione indispensabile per promuovere e mantenere la salute orale sul territorio anche attraverso il SSN. Per la prof.ssa Nardi serve una implementazione dei LEA

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Così cambierà l’esame di laurea. Più coinvolgimento nella valutazione dell’Albo degli odontoiatri. Entro 5 anni gli Atenei dovranno adeguarsi attivando il tirocinio pratico


L’edizione della ripresa ha lasciato sensazioni positive che uNIDI sta analizzando anche grazie ai datti di sondaggi condotti su espositori e visitatori


Per inviare le proprie candidature, c’è tempo fino al 15 settembre 2022, le premiazioni a Lisbona nel maggio 2023


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi