HOME - Inchieste
 
 
18 Giugno 2018

Rinuncia alle cure, le ragioni economiche alte anche tra gli spagnoli

Per la scelta si punta sullo studio tradizionale ma crescono studi in franchising e convenzionati

Francesca Giani

La rinuncia alle cure e, in particolare a quelle odontoiatriche, non è un fenomeno presente solo in Italia. Da un recente studio spagnolo, a essere andato dal dentista almeno una volta nel 2017 è il 60% della popolazione – un dato in linea con la rilevazione del 2015 – ma, tra chi non si è fatto visitare, i motivi economicisono stati riferiti nel 21% dei casi, mentre il 53% sostiene di non averne avuto la necessità e l’11% accusa mancanza di tempo. Una situazione solo leggermente più preoccupante rispetto all’Italia: secondo un dato Istat di ottobre 2017 sono “il 7,9% gli italiani che negli ultimi 12 mesi hanno dovuto rinunciare alle cure dentali per motivi economici (prevalentemente le donne)”. 

Lo studio spagnolo, commissionato dalla Federazione locale delle imprese che operano nell’ambito della tecnologia sanitaria(Fenin) – 500 aziende, di cui 72 del settore dentale – e condotto dall’italiana Key-Stone, ha preso a riferimento un campione di 2.283 famiglie. Tanti i dati messi in luce ma a emergere anche il fatto che tra gli spagnoli che si sono recati dal dentista nel 2017, la maggior parte dichiara di optare per studi tradizionali(68%), mentre il franchisinge la struttura legata a un’assicurazionesono scelti dal 12% della popolazione. Canali, questi ultimi, che, secondo Fenin, sono in crescita e che tendono a essere preferiti per trattamenti ad alto costo, quali implantologia e ortodonzia. Mentre il dentista tradizionale si consolida come punto di riferimento per la presa in carico del paziente, come nel caso del controllo periodico, o per la risoluzione di problemi più frequenti, quali carie o dolori dentali. 

In generale, tra i motivi per cui gli spagnoli vanno dal dentista, al primo posto (47%) c’è la pulizia, ma secondo Fenin questo può essere anche legato al fatto che molte strutture – soprattutto catene - la offrono gratuitamente con la prima visita. A seguire c’è carie o dolori ai denti (25%), 20% trattamento ad alto costo (impianti, protesi, ortodonzia), 18% controllo.

Infine, un focus è stato dedicato anche ai criteri di scelta di uno studio: per oltre la metà della popolazione conta l’igiene del centro (53%), seguito dal rapporto umano del dentista e del personale di supporto (39%), dalle attrezzature tecnologiche (34%). Importanti anche la conoscenza o la fiducia ispirata (33%), l’impressione durante la prima visita e la comodità di orari (32%). La politica dei prezzi è indicata dal 29% del campione.   


Sull'argomento leggi anche:

13 Aprile 2018: Accesso o rinuncia alle cure odontoiatriche: il punto attraverso i dati di alcune ricerche

06 Giugno 2018: Cresce la spesa degli italiani per le cure ed il “rancore” verso il SSN

Articoli correlati

Dati di uno studio sulla prevalenza e sull’incidenza della patologia tra i dentisti statunitensi

di Lara Figini


Foto forntia dal sito del Governo

La vittoria del No al referendum costituzionale e le dimissioni del premier Matteo Renzi (nella foto il momento dell'annuncio dele dimissioni), con conseguente crisi di Governo, potrebbero portare...


L'ultima è la pensione anticipata dalle banche a chi va via in anticipo, esodati inclusi, per una somma che il pensionato restituirà con gli interessi una volta che a pagare l'assegno...


La maggior parte degli studi dentistici USA ha vissuto negli ultimi 5 anni un calo di redditività. A rivelarcelo è Roger Levin dentista e consulente aziendale che ha dedicato a questo...


In uno studio di coorte, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno valutato se e quanto i costi, per i pazienti, dei trattamenti per la parodontite a lungo termine differiscono tra lo...

di Lara Figini


Quanto costa l’assistenza orale? Per identificare il peso economico di una patologia, vale la pena capire la quantità di risorse che potrebbero essere risparmiate se tale...

di Lorenzo Breschi


A giudicare dalle domande che mi vengono spesso rivolte dai miei clienti e dalle inefficienze gestionali che più frequentemente rilevo nelle analisi economiche e finanziarie di alcuni studi...


Nonostante le battaglie sindacali che la CAO e le associazioni sindacali odontoiatriche hanno condotto contro il Ddl Concorrenza, il testo non ha recepito in toto le loro richieste, in particolare...


Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Ddl Job Act del lavoro autonomo, quanto i professionisti spenderanno nel 2017 per la formazione e l'aggiornamento professionale sarà...


La crisi economica sembra toccare anche i denti degli svizzeri, almeno secondo la stampa elvetica. Stando ai dati diffusi dall'Ufficio statistico elvetico una persona su cinque (21,5%) nella...


Altri Articoli

Per il prof. Gagliani, l’adesione non è stata solo un processo per sé stesso rivoluzionario ma ha rivoluzionato un modo d’intendere l’odontoiatra che ha spaziato in vaste...

di Massimo Gagliani


Dal 2019 i professionisti sanitari non possono (vi è un divieto) emettere fatturazione elettronica per le prestazioni rese ai pazienti. Stessi sanitari che sono invece obbligati, come le...

di Norberto Maccagno


Considerati per molto tempo elementi utili o cruciali per l’ottenimento di condanne, negli anni si sono appurate criticità concernenti i rilievi identificativi delle lesioni...


Una revisione della letteratura conferma che gli interventi di prevenzione della carie dentale nei giovani tra i 5e i 17 anni, con gel, integratori al fluoro, vernici e sigillanti fluorurati...


Per il prof. Mattina, in odontoiatria manca la specificità prescrittiva e serve una consapevolezza collettiva sul problema che deve coinvolgere tutti, a cominciare da medici e...


Supplemento di International Dental Journal (IDJ) con l’obiettivo di fornire dati sempre più attuali sul tema e sulle possibili alternative


Capita a Mantova, non sono basati quasi otto anni di processo per arrivare ad una sentenza che stabilisse se aveva o non aveva svolto abusivamente la professione di dentista


Il sostegno dell’azienda triestina, che vuole dare continuità alle attività del reparto odontoiatrico, contribuendo all’acquisto di attrezzature per lo studio ed il...


Quando è conveniente comprare scorte di materiale ma anche anticipare al laboratorio odontotecnico gli importi dei futuri lavori che si effettueranno nel 2024


La prof.ssa Nardi evidenzia l’importante ruolo dell’igienista dentale come attenta sentinella della salute del cavo orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Gallmetzer Holding lascia il settore dentale privato e si impegna nel settore della sanità pubblica


Determinante è la pianificazione per non trovarsi sorprese quando si dovranno pagare saldo o acconto delle tasse, ma anche il contributo Enpam. I consigli dei dottori Terzuolo, consulenti fiscali...


Appuntamento domani, 29 novembre, per approfondire la comprensione delle nuove frontiere dell'odontoiatria protesica grazie alla presenza di esperti


Immagine di repertorio

Era l’amministratore unico della società titolare degli studi. Il finto dentista sarebbe già stato denunciato per lo stesso reato, al tempo avrebbe patteggiato la pena


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi