HOME - Cronaca
 
 
27 Marzo 2012

Lotta all'evasione, le misure del Governo Monti

Il Salva Italia e il decreto Semplificazioni

di Andrea Telara


MontiMonti

Due decreti approvati in tempi da record, a distanza di pochi mesi l'uno dall'altro. Sono queste le disposizioni di legge con cui il governo guidato da Mario Monti ha deciso di dichiarare guerra all'evasione fiscale che ogni hanno, secondo le stime più diffuse, sottrae alle casse dello Stato circa 120 miliardi di euro. E' una montagna di soldi, che ora il fisco deve necessariamente recuperare, almeno in parte, per mettere in sicurezza i conti pubblici.
Fine del segreto bancario, maggiori sanzioni contro chi trasferisce illegalmente capitali all'estero e agevolazioni per chi rispetta i parametri degli studi di settore: sono questi alcune delle misure messe in cantiere dall'esecutivo tra la fine del dicembre 2011 e gli inizi del marzo di quest'anno, per incentivare i cittadini a pagare con regolarità le tasse. Molti provvedimenti riguardano il mondo del lavoro autonomo e i liberi professionisti (odontoiatri compresi). Di seguito,vengono passati in rassegna i cambiamenti che si profilano all'orizzonte.

Le misure del decreto Salva-Italia.
Prima di analizzare nel dettaglio le leggi anti-evasione più recenti, messe in cantiere dal governo nelle ultime settimane, va ricordato che già il Decreto Salva-Italia, cioè la manovra economica straordinaria approvata nel dicembre scorso per mettere in sicurezza i conti pubblici, ha introdotto alcune misure per migliorare il rapporto tra il fisco e i cittadini e per stanare chi non paga tutte le tasse dovute (si vedano le tabelle in pagina, che riassumono i provvedimenti del decreto). Innanzitutto, è stato vietato l'uso del denaro contante per qualsiasi pagamento superiore ai mille euro. Ogni transazione che oltrepassa questo valore, dovrà essere effettuata tramite strumenti tracciabili come le carte di credito, la carta bancomat o gli assegni, che sono facilmente controllabili dall'amministrazione finanziaria.

Inoltre, sono state approvate alcune misure per migliorare il rapporto tra fisco e cittadini: chi risulta in linea con gli studi di settore, per esempio, avrà una minore probabilità di subire controlli (compresi quelli effettuati con il redditometro), che potranno svolgersi in un arco di tempo più breve di quello previsto oggi dalla legge, cioè entro 3 anni e non più in 4 anni.
Altre agevolazioni sono previste per i lavoratori autonomi e le aziende che risultano trasparenti col fisco, cioè comunicano periodicamente all'amministrazione finanziaria tutte le movimentazioni effettuate con i clienti e i fornitori.
Chi si comporta così, otterrà in cambio una riduzione dei tempi necessari per ottenere i rimborsi delle tasse e potrà anche avvalersi di un servizio di assistenza fiscale erogato dalle autorità pubbliche.

Le misure più significative contro l'evasione del Decreto Salva-Italia riguardano però il segreto bancario che ormai, di fatto, non esiste più. Gli istituti di credito dovranno infatti comunicare periodicamente al fisco tutti i movimenti registrati sui conti dei clienti, che verranno conservati dall'amministrazione finanziaria e potranno essere utilizzati per effettuare futuri controlli. I conti in possesso di ogni contribuente non avranno dunque più misteri.

Ai provvedimenti approvati nel dicembre scorso con Decreto Salva Italia, si sono aggiunti da poche settimane quelli del Decreto sulle Semplificazioni Fiscali con cui il governo Monti, oltre a combattere l'evasione, ha approvato alcune misure per migliorare il dialogo tra i cittadini e il fisco.

Articoli correlati

Le prestazioni rese da un laboratorio odontotecnico sono esenti IVA anche se cedute a cittadini o società. Invece con IVA lo stesso dispositivo medico rivenduto al dentista da una azienda...


normative     11 Gennaio 2023

Le novità fiscali del 2023

Cosa cambia nel nuovo anno sul tema dei pagamenti in contanti, Pos, regine forfettario e contabilità semplificata


Il provvedimento inserito nel decreto Milleproroghe licenziato oggi dal Governo. La norma posticipa di un ulteriore anno l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica per le spese...


Assicurazioni positive arrivano dalla politica, anche se mancano segnali ufficiali. Intanto le Entrate risolve la questione privacy per gli avvocati 


Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


Altri Articoli

Da molti anni è chiaro a chiunque si occupi di implantologia che il punto nevralgico, decisivo per il successo a lungo termine della terapia, è la connessione tra impianto e abutment. Il gap della...


Sottolineate le criticità del sistema tra cui la non possibilità di scegliere il dentista a cui affidarsi. Dall’incontro emerge la proposta di individuare dei Livelli...


Confermato che il ricorso alla Commissione Centrale sospende la sanzione comminata fino a quando la decisione non viene pressa, ma se questa non arriva dopo 5 anni scatta la...


Serie di incontri del presidente ANDI con rappresentati di Camera e Santo su temi di interesse dalla professione


Dal Convengo ASSO la proposta di un tavolo per valutare gli eventi ECM sulla base della qualità formativa per superare la corsa al credito. La qualità delle cure si tutela...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’esercizio dell’attività odontoiatrica sotto forma d’impresa

 
 
 
 
chiudi