HOME - DiDomenica
 
 
24 Marzo 2024

ECM, dal primo aprile (e non dovrebbe essere uno scherzo) scattano le sanzioni… almeno stando agli annunci invernali

di Norberto Maccagno


Ricorderete, e se non lo ricordate eccomi qui per aiutarvi a farlo, le dichiarazioni del Ministro della Salute e del presidente FNOMCeO a fine anno, in prossimità della scadenza del 31 dicembre 2023, ultimo giorno utile per poter raccogliere i crediti ECM necessari per recuperare quelli non raccolti nel triennio 2020-2022. In varie interviste, il Ministro della Salute Girolamo Schillaci esortava i medici e dentisti a recuperare i crediti mancanti perché dopo il 31 dicembre “potranno essere soggetti alle sanzioni che i vari Ordini provinciali dovranno applicare come previsto dalla legge”. 
Certamente il termine “potranno” è meno perentorio di un più categorico “saranno”, ma sappiamo che in realtà l’Ordine deve convocare l’inadempiente e poi valutare caso per caso prima di, eventualmente, sanzionare. Se l’iscritto non ha mai raccolto un credito, la sanzione comminata sarà probabilmente più severa di quella che verrà inflitta ad un iscritto “quasi” in regola. Ma questa è una mia supposizione, salvo rarissimi casi, in 20 anni non ci sono state notizie di sanzioni a iscritti (ne ricordo una sola) che non hanno raccolto i crediti ECM previsti e poi, siccome non c’è una regola certa, si lascia alla valutazione della Commissione Albo, anche se la norma indica che “la partecipazione alle attività di formazione continua costituisce, ai sensi dell’art. 16-quater del D. Lgs. n. 502 del 1992, requisito indispensabile per svolgere attività professionale in qualità di dipendente o libero professionista”.  

Nessuna sanzione anche perché i tanti rinvii, abbuoni, posticipi hanno di fatto posto sul sistema ECM una sanatoria che dura da vent’anni.   Ma anche qui il Ministro Schillaci è stato chiaro: “non ci saranno più proroghe”.

E questo, fino ad oggi, sembra essere stato rispettato… sembra.  

Già perché in realtà solo da lunedì primo aprile gli Ordini potranno convocare gli iscritti inadempienti, ma solamente quelli che non hanno raccolto i crediti previsti per il triennio 2020-2022.  

Ad oggi, tutti gli altri trienni sono, al momento, ingiudicabili e quindi non considerabili per le sanzioni. Ricordo il perché.  

Innanzitutto perché il primo aprile e non il primo gennaio 2024?  

Il 31 dicembre 2023 è scaduta la proroga di un anno per raccogliere i crediti ECM non raccolti nel triennio precedente (2020-2022), i provider ECM (chi organizza i corsi accreditati) hanno 90 giorni di tempo per verificare ed assegnare i crediti sulla piattaforma in modo che il Co.Ge.APS. -il consorzio degli Ordini e Collegi creato e sovvenzionato dalle professione sanitarie accreditate per supportare i 596 ordini e collegi territoriali (fonte bilancio consultivo 2023)- li possa inserire in piattaforma rendendoli disponibili agli iscritti, ma anche agli Ordini per la verifica. Peraltro il Co.Ge.APS. invia o dovrebbe inviare agli Ordini territoriali l’elenco dei crediti raccolti dagli iscritti.  

Perché ad oggi i controlli possono essere fatti solamente sul triennio 2020-2022?  

Perché con il Decreto Milleproroghe 2023, è stato demandato alla Commissione ECM di definire come gli iscritti che non hanno raccolto i crediti necessari per i trienni (2014-2016 e 2017-2019) possano ottenere la certificazione dell’assolvimento dell’obbligo formativo attraverso crediti compensativi. Il perché lo possano fare a quasi 10 anni di distanza non mi è chiaro, visto che anche al termine di quei trienni formativi, era stata prorogata di un anno la scadenza per mettersi in pari con i crediti mancanti.  

Dopo il suo insediamento, la Commissione Nazionale ECM (per quanto sono riuscito a sapere) si è riunita altre 2 volte, ma del provvedimento ancora nessuna traccia. Ovviamente, fino a quando non sarà indicato come mettersi in pari, gli inadempienti sono di fatto sanati perché ovviamente loro “scalpitano” per recuperare i crediti ECM mancanti, ma nessuno gli dice come fare.    


Doverosa precisazione     

Non è la prima volta che faccio queste considerazioni e sono consapevole che quella del rispetto dell’obbligo di aggiornamento ECM è un tema che non “frega” a nessuno, a quanto pare neppure a chi dovrebbe fare rispettare la norma. Ma ad “alterarmi” non è tanto il fatto che io come giornalista, se non mi aggiorno, alla scadenza del triennio formativo ricevo dal mio Ordine una lettera che minaccia di cancellarmi dall’Albo, e così capita all’amico ingegnere, architetto, avvocato, ma pensare che il mio medico curante, da 20 anni, può non essersi mai aggiornato perché tanto va bene uguale. E questo un po’ mi preoccupa. Credo che sia più utile che ad essere aggiornato sia il medico rispetto al giornalista.  

Questo atteggiamento nei confronti dell’obbligo ECM, trovo che possa essere un esempio di come si affrontino certe situazioni: una norma non è applicabile o solamente non è gradita, allora creo un meccanismo in cui la insabbio. Sempre con buona pace di chi invece le regole le rispetta. E non penso tanto a me (peraltro molti dei corsi che seguo sono interessanti) ma a voi che per aggiornarvi e rispettare la Legge spendete soldi, tempo, dovete tenere chiuso lo studio, a differenza di chi non lo fa.  

In realtà ad obbligare medici e dentisti a rispettare l’obbligo ECM, seppur parzialmente, sarà la norma sulle assicurazioni che consentirà le compagnie assicurative a non coprire i medici e dentisti che non hanno raccolto il 70% dei crediti nel triennio 2023-2025. E sono certo che in questo caso le compagnie assicurative, pur di non pagare, non saranno disposti a girarsi dall’altra parte e faranno rispettare la norma.


Articoli correlati

Una Delibera della Commissione Nazionale ECM chiarisce con quali modalità si possono raccogliere i crediti specifici e come comunicarli


Il Rapporto Nazionale 2022 dell’AIFA sull’uso degli antibiotici analizza la formazione ECM verso le professioni sanitarie, gli eventi specifici per gli odontoiatri sono pochi ...


“L’estro” italico di trovare il sistema di interpretare a proprio favore le norme è oramai una caratteristica distintiva. E non sempre (quasi mai all’estero), questo...

di Norberto Maccagno


Ultima possibilità per mettersi in pari con i crediti non raccolti nel triennio 2020-2022. Ecco come si deve fare stando alla delibera della Commissione Nazionale ECM


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


Per il dott. Caprara, il punto principale è capire quale può essere il nostro obiettivo e quale la nostra sfera di influenza


Mentre l’Unione Europea lavora per un Green Deal europeo per trasformare l’economia dell’Unione in un modello moderno ed efficiente sotto il profilo della sostenibilità, le...

di Norberto Maccagno


“Rendiamo cool l’armonia e la naturalezza. Il BTX Bar® Italia vuole rendere popolare quello che i nostri antenati non sono riusciti a trasmettere. Il BTX Bar® Italia è...

di Norberto Maccagno


Come molti boomer sono attratto dalla tecnologia. In realtà lo ero anche prima di essere un boomer, ho ancora cassetti pieni di aggeggi tecnologici quasi mai usati e peraltro spesso inutili, ma...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

La guida degli esperti sulla connessione tra salute orale e salute neurologica: ecco perché lavarsi i denti è un’abitudine essenziale


Corsi per ortodonzia estetica e tecniche chirurgiche avanzate, ma anche per la gestione aziendale, il marketing digitale e l’intelligenza artificiale applicata all’odontoiatria


Restituito il sorriso a 800 ragazzi attraverso 6000 prestazioni. Nove gli ospiti che hanno potuto frequentare la scuola di odontotecnica 


L’Ordine dei dentisti spagnoli indica alcuni semplici consigli che potrebbero essere utile trasferire ai pazienti prima delle vacanze estive


Presto in commercio il primo spray nasale di adrenalina in caso di shock anafilattico potenzialmente mortale nei soggetti allergici gravi


Prof.ssa Ottolenghi: una opportunità ed una sfida con l’obiettivo di consentire a tutti gli Atenei di arrivare alla scadenza del 2027/28 con lo stesso passo 


L'essiccatore a membrana ad alta efficienza per aria compressa di altissima qualità rappresenta un significativo passo avanti nell'affidabilità dei sistemi di compressori per...


Coinvolti gli igienisti dentali che hanno frequentato durante l’anno i corsi pratici presso l’Academy. Due i lavori eccellenti vincitori a pari merito


La giurisprudenza sottolinea l'importanza di una documentazione clinica completa e accurata non solo per il trattamento del paziente, ma anche per la tutela legale degli operatori sanitari


Ad Udine 4 posti a tempo indeterminato, le domande entro il 10 agosto. A Napoli 4 posti a tempo pieno ma per 12 mesi, domande entro il 24 luglio


lo studio del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica dell’Insubria di Varese pubblicato su Frontiers in Immunology


Anche per i professionisti è possibile accedere alla proposta tramite RedditiOnline o tramite la dichiarazione precompilata


Perché conviene un archivio digitale, come risolvere il problema dei documenti cartacei, quali le soluzioni possibili


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi