HOME - Cronaca
 
 
07 Marzo 2018

Inizio attività Regione Lazio, obbligatorio inviare la comunicazione di apertura anche all’Ordine

Si deve indicare anche i nomi dei collaboratori


Sul tema del controllo delle OMCeO sull’apertura degli studi medici ed odontoiatrici può essere interessante quanto previsto dalla Regione Lazio in termini di autorizzazione sanitaria che punta ad avere una maggiore trasparenza sull’attività svolta da medici e dagli odontoiatri. Dal dicembre scorso, su pressione della CAO romana, tra la documentazione da presentare per l’apertura del proprio studio viene richiesta la compilazione di un modulo che deve essere inviato oltre che all’ASL locale, anche all’OMCeO di competenza.

Tra le informazioni richieste non solo quelle legate all’apertura dello studio ma anche i nominativi dei collaboratori iscritti all’Albo ed i nomi degli altri professionisti che prestano la loro opera all’interno della struttura ed i collaboratori. Oltre questo, il titolare della struttura deve indicare il nome della sigla sindacale che lo studio designa a presenziare durante il controllo di verifica all’apertura da parte dell’Asl.  

“Per ora ci sembra un passo importante verso una migliore trasparenza che da all’ordine la possibilità di verificare le collaborazioni degli iscritti”, dice ad Odontoiatria33 il presidente CAO Roma Brunello Pollifrone (nella foto). “Uno strumento importante che dovrebbe prevedere anche un obbligo di aggiornamento ogni volta che la struttura modifica l’organigramma dei professionisti e collaboratori, su questo abbiamo interessato l’amministrazione Regionale”. “Grazie a queste informazioni –continua il presidente CAO- possiamo aggiornare le schede degli iscritti e avere una mappatura degli studi sul nostro territorio. La decisione della Regione Lazio è una delle tante che la nostra CAO ha suggerito per rende più trasparente l’attività odontoiatrica svolta dalle strutture che non necessitano di autorizzazione sanitaria, soprattutto nei confronti dei cittadini l’Ordine provinciale diventa così parte attiva nella collaborazione con le Istituzioni proprio come previsto dalla nuova legge Lorenzin, che lo qualifica come Ente Sussidiario dello Stato per la tutela della salute pubblica”.

Articoli correlati

Autorizzazione per le STP come esercizio professionale e l’abolizione della comunicazione semestrale elenco dipendenti. La soddisfazione di ANDI Roma


L’esperto ricorda: non esiste una regola generale, ma sono le Regioni ad aver legiferato in materia e le differenze sono molte 


Previsto dal decreto Concorrenza 2017, il provvedimento punta a dare indicazioni univoche sulla sospensione e sulle modalità di accertamento della sussistenza dei requisiti autorizzativi


Sono tenuti all’invio della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà tutte gli studi già autorizzati all’esercizio. Le modalità per la compilazione


Rinvio di un mese per problemi sul sistema informatico che gestisce la raccolta della documentazione


Altri Articoli

Una gestione digitale della cartella clinica permettere di avere in qualsiasi momento una visione completa della storia medica e anche amministrativa di un paziente


Due le sessioni, una ad aprile ed una a luglio, poi entro fine luglio la possibilità di candidarsi indicando il migliore punteggio ottenuto tra le due prove. Ai primi di settembre la graduatoria


Eccessivo carico burocratico, necessità di maggiore autonomia e indipendenza, sono le prime tre priorità inerenti alla professione secondo i risultati di un sondaggio condotto dall’OMCeO di...


Iandolo: “il responsabile è sempre l’odontoiatria”. Ai presidenti provinciali CAO l’invito a vigilare e richiamare gli iscritti sul rispetto della deontologia e delle norme su pubblicità e...


Da Curasept i 5 consigli che odontoiatri ed igienisti dentali possono dare ai loro pazienti per mantenere una buona igiene orale quando si è fuori da casa


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione implantologia a distanza attraverso il paziente virtuale

 
 
 
 
chiudi