HOME - Approfondimenti
 
 
26 Luglio 2021

OSAS: numeri, conseguenze, trattamento e prevenzione

Report INAIL su Obstructive Sleep Apnea Syndrome. “Fattore di rischio per incidenti stradali e sul lavoro e causa di ridotta performance lavorativa, deve essere considerata malattia cronica”


L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione Contro gli Infortuni sul Lavoro ha pubblicato un report con i più recenti dati sulla patologia ed il punto clinico su patologia, cause, prevenzione e cure. OSAS, ricorda INAIL comporta “gravi implicazioni economiche e sociali” in quanto spesso è sotto-diagnosticata ed il lavoratore non sa di esserne affetto. 


I numeri 

L’OSAS si verifica in tutte le fasce d’età e in entrambi i sessi, anche se è più comune negli uomini,  in età compresa tra i 40 e gli 80 anni, con un picco intorno ai 50 - 55 anni. Dati recenti stimano in Italia una prevalenza pari a 12.329.614 persone affette da OSAS moderata-grave (27% della popolazione adulta) con un rapporto uomo/donna di  3:1, e una prevalenza complessiva di oltre 24 milioni di persone di età compresa tra 15 - 74 anni con OSAS lieve e medio-grave (54% della popolazione adulta). Si stima che solo il 4% dei pazienti affetti da sindrome moderata-grave viene diagnosticata e solo il 2% trattata.  Altro aspetto di criticità riportato nel report INAIL è il fatto che anche in caso di diagnosi “i  dati mostrano che l’accettazione e l’aderenza al trattamento, nonostante i progressi tecnologici, è generalmente bassa, variando dal 30% al 60%”. 

Oltre agli aspetti di salute e di qualità della vita, nel report INAIL ricordati gli aspetti economici che la patologia comporta sulla persona e sulla società.
“L’OSAS –si legge nel report- ha un impatto economico significativo sui sistemi sanitari pubblici e deve essere considerata e gestita come una condizione cronica”. L’On. Rossana Boldi aveva presentato un progetto in tal senso. 

La sindrome, ricorda INAIL è gravata da costi “costi diretti o sanitari (diagnosi, cura della malattia e delle comorbilità associate e ricoveri ospedalieri) e da costi indiretti o sociali dovuti a riduzione della produttività lavorativa e invalidità permanente per incidenti stradali o sul lavoro”.  I pazienti con disturbi del sonno risultano meno produttivi a causa della fatica cronica e dell’eccessiva sonnolenza diurna e hanno un livello più alto di assenteismo.  

Negli Stati Uniti è stato stimato un costo annuo per ogni paziente senza diagnosi di 5.500 dollari (costi diretti e indiretti). Tale costo, sottolinea INAIL, “scende a meno della metà se viene  fatta diagnosi”. 

Tra i trattamenti non chirurgici efficaci indicati nel report INAIL, l’applicazione ed uso di dispositivi ortodontici di avanzamento mandibolare. 

A questo link il report completo.


Sull'argomento potrebbe interessarti anche: 

Sleep Medicine in Dentistry Journal, la rivista EDRA rivista specializzata sulla sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno. 

Articoli correlati

Organizzato dal Dental Sleep Team, si terrà nelle giornate del 21 e 22 ottobre 2022 il Corso avanzato “Formazione clinico-pratica sulla gestione odontoiatrica del paziente...


Per l’identificazione dei fattori anatomici predisponenti all’OSAS vengono impiegate varie tecniche di imaging, tra cui la più utilizzata è la Tomografia Computerizzata a...


I dispositivi indossabili integrati negli smartwatch possono fornire anche dati sulle apnee notturne oltre ad evidenziare la presenza di problemi cardiaci


Realizzato da Fondazione ANDI Onlus può essere uno strumento di dialogo con i pazienti. Intanto dal 18 al 25 marzo 1000 studi soci ANDI effettueranno visite di screening gratuite 


In occasione della Giornata Mondiale del Sonno abbiamo fatto il punto sul ruolo dell’odontoiatra nel trattamento delle OSAS con il prof. Gracco


Altri Articoli

L'aumento dell'autoconsumo di questo gas soprattutto nei giovani e negli adolescenti dovrebbe essere considerato un grave problema di salute pubblica. Le rassicurazioni...


Diventano operative le norme del nuovo profilo e gli esoneri al conseguimento dell’attestato di qualifica. Possibile organizzare i corsi “ridotti” per sostenere l’esame


ANDI ha sentito una serie di politici dei principali partiti in lotta nella campagna elettorale, chiedendo su quali punti si impegnano a sostenere il settore


Le raccomandazioni contenute nel nuovo Piano Nazionale di Contrasto all'Antibiotico Resistenza (Pncar) 2022-2025 del Ministero della Salute


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi