HOME - Cronaca
 
 
12 Novembre 2020

ANCOD: incomprensibile nostra esclusione dal Tavolo sull’odontoiatria

Puccio: perché continuare ad escluderci da un tavolo di lavoro che tratterà proprio i temi del futuro dell'odontoiatria nel nostro Paese


Siamo venuti a conoscenza del Decreto Ministeriale con il quale il Ministero della Salute ha istituito un tavolo tecnico volto alla formazione, ricerca e programmazione dell'attività odontoiatrica. In tale contesto, ancora una volta, nessuna rappresentanza viene data al mondo dell'odontoiatria organizzata, riconosciuta dal Decreto Concorrenza nel 2017 eppure sempre ignorata, se non osteggiata, nel confronto istituzionale, in sede ministeriale e non solo.  

Tutto questo, nonostante da mesi le strutture direzionali dell'associazione abbiano dimostrato in tutti i modi un'apertura al dialogo e al confronto con le istituzioni, con un atteggiamento sempre propositivo e volto allo sviluppo del settore.

La scelta del Ministero risulta pertanto incomprensibile e penalizzante nei confronti di un'importante componente del comparto. ANCOD rappresenta infatti le imprese della sanità privata nel settore odontoiatrico e conta ormai su circa 800 centri con oltre 7mila medici odontoiatri, 8mila dipendenti adeguatamente formati e tutelati, e circa 700 milioni di euro di fatturato totale, per un totale di circa il 10% del mercato del settore.  

Non si spiega quindi che l'Associazione continui ad essere esclusa da un tavolo di lavoro che tratterà proprio i temi del futuro dell'odontoiatria nel nostro Paese.  

Auspichiamo un rapido ravvedimento del Ministro Speranza e del Capo di Gabinetto Zaccardi, volto a integrare la composizione del tavolo sull'odontoiatria con una rappresentanza dell'Associazione Nazionale Centri Odontoiatrici". 

Mirko Puccio, presidente di ANCOD

Articoli correlati

Tra i temi toccati nella video intervista la disponibilità a definire regole per evitare altri casi Dentix. Tra i primi confronti avuti quello con ANDI


Cambio al vertice di ANCOD, la scelta è di affidare la presidenza dell’Associazione ad un professionista esterno ai Marchi associati 


Ovviamente divisi tra soddisfazione (Catene) per aver tutelato il lavoro ed amarezza (Sindacati odontoiatrici) per l’ennesima bocciatura ad una proposta che vuole tutelare la salute del cittadino


La Commissione politiche dell’Unione Europea giudica respinge l’emendamento che avrebbe consentito l’esercizio dell’attività odontoiatrica in forma societaria solo alle StP. I commenti di...


O33cronaca     25 Giugno 2021

ANCOD risponde a CAO ed AIO

L’invito è affrontare i reali problemi del settore. Intanto per spiegare i motivi del no all’emendamento Lorefice acquista una pagina sul Sole24Ore


Altri Articoli

Una gestione digitale della cartella clinica permettere di avere in qualsiasi momento una visione completa della storia medica e anche amministrativa di un paziente


Due le sessioni, una ad aprile ed una a luglio, poi entro fine luglio la possibilità di candidarsi indicando il migliore punteggio ottenuto tra le due prove. Ai primi di settembre la graduatoria


Eccessivo carico burocratico, necessità di maggiore autonomia e indipendenza, sono le prime tre priorità inerenti alla professione secondo i risultati di un sondaggio condotto dall’OMCeO di...


Iandolo: “il responsabile è sempre l’odontoiatria”. Ai presidenti provinciali CAO l’invito a vigilare e richiamare gli iscritti sul rispetto della deontologia e delle norme su pubblicità e...


Da Curasept i 5 consigli che odontoiatri ed igienisti dentali possono dare ai loro pazienti per mantenere una buona igiene orale quando si è fuori da casa


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione implantologia a distanza attraverso il paziente virtuale

 
 
 
 
chiudi