HOME - Cronaca
 
 
10 Maggio 2010

Scheda bianca

di Norberto Maccagno


So bene che scegliere non è facile, anche quando sai che molto probabilmente il tuo voto non sposterà l’esito della competizione elettorale. È un fatto di coscienza; non si può bluffare con se stessi soprattutto se si crede in quello che si fa. Per questo voglio dedicare questo Visto da Fuori all’unico dentista che al congresso elettivo Andi, appena celebrato, ha votato scheda bianca. Non perché voglia prenderlo in giro, magari richiamando lo scrutatore non votante cantato da Samuele Bersani: la dedica non è affatto ironica ma sincera. Il mio è un elogio a un gesto di un “pensante”, di uno che non si è lasciato coinvolgere dal “con chi stati” ma ha cercato di capire dove Gianfranco Prada e Francesco Scarparo volessero portare la sua associazione e di conseguenza la sua professione. Me lo immagino molto attento quando i due candidati hanno illustrato i loro programmi, attento anche durante gli interventi dei delegati che hanno dato il loro sostegno a uno o all’altro, sperando, forse, che qualcuno riuscisse a chiarirgli i dubbi. Niente. Allora eccolo “pendere” da quegli ultimi due interventi di dieci minuti con i quali Prada e Scarparo hanno potuto replicare alle questioni poste. Probabilmente a un certo punto si era convinto, ma poi, una volta nella cabina elettorale, non ha saputo scegliere, i dubbi sono tornati; ha alzato bandiera (scheda) bianca e ha preferito non schierarsi. Almeno se le cose non andranno come lui vorrebbe avrà la coscienza a posto, potrà dirsi: “Io quello non l’ho votato”.
Ma lui, delegato a schierarsi, probabilmente non lo ha voluto fare perché in realtà ha capito che la scelta non era sul nome della squadra che avrebbe governato l’associazione per i prossimi quattro anni e probabilmente neppure sul programma, sulla strada da percorrere. Quel dentista non ha voluto ammettere, come avrebbe fatto schierandosi con Prada, che la professione sta inesorabilmente cambiando e che quindi bisogna accettare dei compromessi per cercare di governare il cambiamento oppure, votando Scarparo, ammettere che questo cambiamento si può arginare combattendo i “barbari” che stanno tentando di invadere il fortino dell’odontoiatria italiana, alzando un muro, magari sperando di tornare ai fasti della professione degli anni ’80. Barbari intesi come il nuovo che avanza, che non sempre parla spagnolo, ma può chiamarsi anche crisi: pazienti che cercano (a volte lo credono solo) di spendere meno rivolgendosi a strutture che di low-cost hanno solo lo slogan. Barbari travestiti da professionisti che pensano che fare i dentisti è, forse, una missione, ma certamente è un lavoro e allora cercano di far fruttare il proprio investimento utilizzando tutte le opportunità legali che gli si presentano (fondi, assicurazioni, pubblicità). Barbari travestiti da servizio pubblico che si fa pagare le prestazioni che rendono (protesi e ortodonzia) e trascura le altre. Perché a mio avviso questa può essere la sintesi (so bene, troppo semplicistica, non arrabbiatevi!) degli interventi sentiti durante il congresso elettivo Andi. Se conoscessimo almeno la sua storia professionale, la sua età potremmo meglio ipotizzare il perché abbia deciso di votare scheda bianca. Io lo immagino di 55 anni, titolare di due studi, avviati uno in città e un altro in un paese vicino, dove si alterna per alcuni giorni la settimana. I figli hanno scelto un’altra strada e a volte si chiede quale futuro avranno lo studio e i pazienti quando vorrà ritirarsi.
È convinto che la crisi, in fondo, non l’abbia colpito; certo, qualche paziente è un po’ che non lo vede, ma grazie a questo è riuscito a ritagliarsi il venerdì pomeriggio e il lunedì mattina per le sue cose: magari per un fine settimana lungo ogni tanto. Avrebbe a mani basse scelto di innalzare il muro, sarebbe salito sulle barricate pur di mantenere quanto ha costruito in questi anni fino alla pensione. Poi, aprendo la scheda elettorale gli è venuto in mente quel giovane odontoiatra di 35 anni che due pomeriggi alla settimana viene (da una decina di anni) nel suo studio a fare endodonzia quando gli ha chiesto cosa ne pensava se fosse andato a lavorare in un centro in franchising. E i dubbi sono tornati. Ovviamente non so dire chi tra i delegati che hanno votato uno dei due candidati ha fatto la scelta giusta. Come non so quanto quella scelta potrà condizionare il futuro della vostra professione.
Credendo nell’associazionismo e nel ruolo della politica; mi piace pensare (sarò ingenuo?) che anche il congresso elettivo Andi, come tutti gli altri congressi del settore dentale e non solo, siano condizionati nelle scelte dalle idee, dalla visione di un progetto. Invece un giorno scoprirò che il dentista non votante ha scelto di non schierarsi perché amico di tutti e due candidati. Riuscirò a sopravvivere per la delusione?

GdO 2010;10

Articoli correlati

Con il titolo “Odontoiatria del futuro, quali prospettive” si terrà ad Aci Castello il 12 e 13 aprile prossimi. Sarà un momento di confronto e di arricchimento professionale...


Marco Ferrari

L’appuntamento del prossimo maggio, a Firenze, porrà al centro del suo dibattito il tema della sostenibilità declinata nei diversi aspetti: biologica, economica, ambientale e...


Dal 21 al 23 marzo 2024, presso il Palazzo di Congressi di Rimini, si terrà il XXIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Parodontologia e...


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


aziende     27 Ottobre 2023

Btk compie 25 anni di attività

L'evento tenutosi a settembre a Venezia è stato un successo, sia in termini di partecipazione che per la qualità dei contenuti presentati, con al centro i temi legati...


Lo studio indaga gli effetti diretti e indiretti dei fattori socio-demografici, clinici, comportamentali e psico-sociali sullo sviluppo della paura del dentista dei soggetti in...

di Lara Figini


In uno studio, che verrà pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno esaminato i tratti tipici della personalità dei dentisti e ne hanno discusso in modo critico la loro influenza...

di Lara Figini


Corsa per agevolare il più possibile la somministrazione delle dosi. Ci si potrà rivolgere anche dal dentista o in farmacia. In Baviera è già possibile 


Uno strumento nuovo per il settore dentale che consente di ricercare prodotti ed attrezzature e comparare i prezzi proposti dai vari siti di vendita online 


Il Consejo General de Dentistas spagnolo ha pubblicato il suo Rapporto tecnico demografico sui dentisti in Spagna nel 2021, in cui analizzava vari parametri come il rapporto...


Conoscere i potenziali fattori di rischio come il pH salivare o la velocità del flusso e la loro dinamica potrebbe essere rilevante per monitorare l'usura dei denti e intervenire...

di Lara Figini


Scopo della presente revisione è quello di identificare le manifestazioni cliniche specifiche e i potenziali fattori di rischio associati alla comparsa di una VRF nei denti...

di Lara Figini


Altri Articoli

Una piattaforma permette di monitorare le performance di incasso con un'unica dashboard, gestendo diversi metodi di pagamento, dal tradizionale POS a soluzioni più avanzate come...


L'American Dental Association non raccomanda più l'uso di collari tiroidei sui pazienti durante gli esami radiografici e aggiorna le linee guida sulla diagnostica per immagini


In occasione della Giornata nazionale della salute della donna, Straumann Group e l’esperta hanno fatto un punto sull’odontoiatria di genere in Italia, sulle differenze del sorriso di donne e...


Promuovere la consapevolezza delle diverse dimensioni della salute della donna pensando ad un approccio personalizzato deve essere l’obiettivo anche di odontoiatri ed igienisti dentali


Patrimonio sale di 1,6 miliardi di euro e registra un utile di 538milioni. Di euro Nel 2023 ENPAM ha erogato prestazioni previdenziali ed assistenziali per 3,34miliardi di euro


Etica ed estetica nell’ambito odontoiatrico sono strettamente legate; entrambe sono cruciali per garantire cure efficaci e rispettose dei pazienti. E’ il tema affrontato in...

di Dino Re


A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi