HOME - Approfondimenti
 
 
16 Gennaio 2017

Circolare MiSE sulle Srl. Nessuna novità ma tante conferme la lettura del consulente legale AIO


Quanto affermato nella circolare del MiSE sulle Srl odontoaitriche ha destato grande soddisfazione, anzitutto nella CAO di Trento, che da tempo svolge un'intensa attività di sensibilizzazione sul territorio per garantire serietà e professionalità delle prestazioni odontoiatriche, a tutela del paziente e della collettività, su cui, da ultimo, ricadono gli effetti - anche economici - di prestazioni inadeguate.

La novità non è in termini normativi ma interpretativi: il Ministero fornisce inequivocabilmente una chiave di lettura chiarificatrice sul tema quanto mai attuale del proliferarsi di Srl che erogano prestazioni odontoiatriche.

Partendo dalla ricostruzione del dato normativo di riferimento, il MiSE puntualizza efficacemente che se l'attività professionale protetta costituisce l'oggetto esclusivo della società commerciale, non è consentito far ricorso alla tipologia societaria della Srl, posto che, in ragione della specificità della attività odontoiatrica, la stessa può essere esercitata solo in forma individuale o associata tra professionisti iscritti al relativo Albo professionale o tramite StP (il nuovo istituto introdotto dalla L.n. 183/2011 e regolamentato dal D.M. 8 febbraio 2013 n. 34, recante il "Regolamento in materia di società per l'esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico, ai sensi dell'articolo 10, comma 10, della legge 12 novembre 2011, n. 183").

In particolare, precisa il MiSE, «... la disciplina inerente la società tra professionisti costituisce, allo stato attuale, l'unico contesto nel cui ambito è possibile l'esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico secondo i modelli societari regolati dai titoli V e VI del libro V del codice civile».

In definitiva: una Srl non può esercitare la medesima attività che di norma il singolo odontoiatra svolge presso il suo studio professionale, in forma individuale o associata, o tramite StP perché la S.r.l. e le altre forme societarie (diverse dalla StP) potrebbero essere utilizzate strumentalmente per eludere le norme - citate nel parere anzidetto - dettate a tutela della professionalità e personalità della prestazione odontoiatrica nonché - e soprattutto - a garanzia della salute del singolo e della salute pubblica.

Non a caso la regolamentazione dell'unica forma societaria consentita, la StP - come espressamente ricorda il Ministero - prevede, tra l'altro, che: l'oggetto esclusivo delle società in questione sia l'esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico; che la società tra professionisti stipuli una polizza assicurativa per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati dei singoli soci professionisti nell'esercizio dell'attività professionale; che la società fra professionisti sia iscritta all'albo professionale competente e soggetta al relativo regime disciplinare.

Le altre forme societarie possono, invece, essere utilizzate per costituire "società in cui l'aspetto organizzativo e capitalistico risulti del tutto prevalente rispetto allo svolgimento (pur presente) di attività professionali "protette"". Una siffatta regolamentazione è l'unica che consente di assicurare "puntuali parametri volti ad equilibrare e contemperare i contrastanti interessi" - in sintesi, da un lato la libera concorrenza e dall'altro la "delicatezza" dei "servizi" (odontoiatrici) - allorché lo svolgimento dell'attività professionale protetta costituisca l'oggetto esclusivo della società stessa. "Parametri che, ovviamente, verrebbero completamente a mancare ove si ammettesse la possibilità di svolgere le medesime attività "protette" nella forma di "generiche" società commerciali".

Forse non è una novità ma nessuno finora l'aveva mai detto con tanta chiarezza.

Non solo: il MiSE in realtà non chiarisce unicamente la questione specifica ma, a ben vedere, pone anche i presupposti per una corretta interpretazione delle altre questioni ancora aperte sul tema, già emerse nel dibattito apertosi all'indomani della pubblicazione del parere.

Come recita un vecchio adagio: "Dimidium facti, qui coepit, habet", ovvero "chi ben comincia...".

A cura di: Avv. Maria Maddalena Giungato consulente legale AIO (www.studiolegalegiungato.com)

Articoli correlati

Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Savini: la sentenza non dice agli odontotecnici che saranno professione sanitaria ma semplicemente che potranno ricominciare l’iter per diventare tali


AIO: normativa modificabile, ma esiziale andare in ordine sparso. Seeberger dovrebbe essere tutta l’Odontoiatria italiana a rappresentare al Ministero i problemi implicati dal...


Savini (AIO): ogni manufatto, ortodontico protesico o di altro tipo, dev’essere riconducibile all’atto odontoiatrico e alla deontologia


Dal CED di Bruxelles i moniti per professionisti, politici, utenza. Colasanto (AIO): “monitoriamo e contrastiamo le terapie fai da te”


In uno studio italiano pubblicato sul Journal of Periodontology, gli autori hanno valutato l'associazione tra l’assunzione di una dieta mediterranea e il livello di attività fisica con lo stato...

di Lara Figini


Il bruxismo notturno (SB) è un’attività muscolare masticatoria involontaria eseguita durante il sonno e può essere ritmico (fasico) o non ritmico (tonico). La sua prevalenza...

di Lara Figini


L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) definisce la salute orale come uno stato della bocca privo di dolore a livello facciale, privo di patologie orali e di disturbi in...

di Lara Figini


Oggi l’odontoiatria adesiva ha raggiunto uno standard di qualità molto elevato ed è in grado di offrire ai medici una grande varietà di opzioni di trattamento per ottenere...

di Lorenzo Breschi


FNOMCeO attivato anche per questo triennio formativo il Dossier di Gruppo. Le macro aree e come attivarlo e completarlo


In occasione della Giornata nazionale dell’Igienista dentale la prof.ssa Nardi riflette sul ruolo centrale dell’igienista dentale nella tutela della salute orale del paziente ...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi