HOME - DiDomenica
 
 
01 Luglio 2018

Convenzioni , pubblicità ed il rischio di vedere ‘’migrare’’ i propri pazienti verso altri studi

Norberto Maccagno

Questa settimana non sono riuscito a scegliere un solo argomento da approfondire, troppe le notizie che mi hanno incuriosito sulle quali volevo soffermarmi. Scelgo quindi due evergreen: le convezioni e la pubblicità.

Due “lettere al direttore” hanno toccato la questione convenzionamento. A “scatenare” il dibattito il dott. Francesco Spatafora che ci coinvolge raccontando una vicenda personale con molti spunti di riflessione: un suo “storico” paziente gli comunica che lo deve lasciare perché  lo studio non è convenzionato con il fondo integrativo a cui è iscritto. Altro contributo, quello del dott. Tiziano Caprara, uno che sul tema molto ha detto e scritto, in cui affronta il problema da un altro punto di vista: quello del dentista che sceglie, o non sceglie, di convenzionarsi.

Due facce dello stesso argomento che portano alla stessa conclusione: il rapporto che legava fino a qualche anno fa il paziente al proprio dentista, oggi è sempre più messo in discussione.

Nel caso raccontato dal dott. Spatafora: perché il paziente decide di scegliere il dentista indicato dal Fondo integrativo.

In quello evidenziato dal dott. Caprara: il paziente lo ha scelto perché indicato dal fondo e perciò un dentista convenzionato vale l’altro.

Non avendo i titoli per entrare nel dibattito cerco di portare il parere che manca, quello del paziente. E credo che valga per entrambi i casi: si chiama necessità, oppure mercato.

Quel paziente che ha chiamato il dott. Spatafora, credo avrebbe fatto a meno di cambiare il dentista, avrebbe voluto continuare a farsi curare dal suo dentista di sempre, ma per ottenere le agevolazioni economiche previste dal Fondo deve rivolgersi ad altri. Un Fondo che il paziente probabilmente non ha neppure scelto di sottoscrivere ma gli è stato, diciamo, offerto dal suo datore di lavoro, dal suo contratto di lavoro, molto spesso al posto di un aumento di stipendio.

Spesso i dentisti si dimenticano che questo modo di intendere l’assistenza medica (il non badare molto a quale medico ci visita) noi pazienti lo sperimentiamo da sempre quando ci rivolgiamo all’Asl per ricevere cure. Perché alla fine dovremmo farci poi tanti problemi per la salute dei denti? E così la vivono i pazienti che da tempo utilizzano i servizi offerti dal loro Fondo integrativo, scelgono il dentista sulla base della comodità, della simpatia, dell’accessibilità, dei servizi, etc.

Se si vuole evitare questo si devono cambiare le regole.

Una soluzione, da capire quanto praticabile, potrebbe essere quella che il Segretario Sindacale ANDI, Corrado Bondi, propone intervenendo sulla nostra pagina Facebook: offrire all’iscritto al Fondoun voucher che il paziente possa gestire liberamente” spendendolo dal dentista che vuole. Un voucher che per Bondi toglierebbe “anche il costo di gestione ed il guadagno” per i gestori dei fondi. “Più soldi in mano al paziente che liberamente decide poi il suo dentista”.

Senza nuove regole il paziente sceglierà tra i dentisti convenzionati ed al dentista non rimarrà che scegliere se non convenzionarsi, accettando di perdere alcuni pazienti ma non scendere a compromessi oppure convenzionarsi sapendo, come dice Caprara, che non sempre conviene averli come clienti).  

Altro “tema sempre caldo” è quello della pubblicità, che questa settimana abbiamo toccato pubblicando la notizia della nuova campagna pubblicitaria di DentalPro in onda sulle principali reti televisive nazionali. Innanzitutto voglio fare pubblicamente i complimenti all’agenzia Walk.in, che ha creato lo spot ed i legali che li hanno consigliati. Credevo che dopo la sentenza del Consiglio di Stato sulla vicenda di Sarzana, poter fare una campagna pubblicitaria nazionale indicando il nome dei direttori sanitari di tutte le strutture sarebbe stato di fatto impossibile, invece hanno trovato uno stratagemma che valorizza persino la campagna stessa: puntare sul singolo medico che di fatto promuove comunque tutti gli altri. Complimenti.

Ma il tema è un altro e nasce dai commenti che la pubblicazione della notizia ha suscitato in alcuni utenti Facebook che ci seguono. Alcuni ci accusano di essere pagati da DentalPro perché abbiamo dato la notizia dello spot. Possibile per uno spot che viene trasmesso sulle tv nazionali e vuole trovare pazienti nuovi? Che interesse avrebbe DentalPro ad uscire su Odontoiatria33. Poi curioso visto che qualche settimane prima a sbuffare e darci dei “venditi ai liberi professionisti” erano i sostenitori delle Catene per via delle notizie che abbiamo pubblicato sulla sospensione dell’autorizzazione sanitaria del Centro DentalPro di Sarzana. Bene, se ci criticano tutti vuole dire che siamo obiettivi.  

Altri interventi, più seri ed interessanti, affrontano invece le varie questioni legate al tema: l’impossibilità per il piccolo di competere, il fatto che il dentista non deve vendere (peraltro lo spot racconta di un paziente che si è trovato bene e non si accenna al costo della prestazione), il rispetto delle regole.

Come spesso capita su questo tema, poco c’è da dire. Le regole premettono molto, ma impediscono anche tanto ed ovviamente i budget fanno la differenza. La mia personale considerazione è che questo ultimo spot di DentalPro ,anche con una preventiva  verifica da parte dell’Ordine, credo sarebbe stato autorizzato e trasmesso, quindi l’unica soluzione è chiedere di vietare totalmente la pubblicità in ambito odontoiatrico o sanitaria.

Altra considerazione è quella sul messaggio che DentalPro, ma anche l’ultimo spot di Vitaldent seguiva lo stesso obiettivo, sta lanciando. Non si punta più sul prezzo, sul finanziamento, ma si cerca di mettere il camice al proprio marchio (DentalPro, Vitaldent, diventano “il tuo dentista di fiducia”), di fare passare il messaggio che nei loro Centri ci sono tutti quei vantaggi che si hanno andando dal dentista tradizionale, a cominciare dal rapporto diretto con il professionista, con l’aggiunta della “spettacolarità” delle nuove tecnologie.

Fattori positivi che il paziente del dentista tradizionale da sempre mette in pratica. Probabilmente quei dentisti che hanno animato la nostra pagina Facebook con i loro commenti, invece di spaventarsi devono solo spiegare e fare apprezzare ai loro pazienti cosa da sempre fanno: prendersi cura di loro con serietà, professionalità ed etica. In alte parole, farli stare bene.

A quel punto dubito che cambino dentista solo per uno spot. 

Articoli correlati

La pubblicità deve essere chiaramente riferita alla struttura che ha l’autorizzazione sanitaria e non al marchio. La Commissione conferma la sospensione per il Direttore...


Fallita l’azienda texana che vendeva online gli allineatori fai da te. Ora i pazienti si trovano senza assistenza e con le rate da pagare


Una nota inviata alle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sanitarie, motiva le modifiche effettuate alle norme sulla pubblicità sanitaria


Ne abbiamo parlato con il prof. Antonio Pelliccia. “Si deve cominciare con il saper creare una relazione con i propri pazienti prima di pensare ai vari strumenti per farsi conoscere ed alla...


Le proposte di raccomandazioni del Gruppo di Lavoro ICT della FNOMCeO: no alle fake news e cautela nelle “amicizie” con pazienti


Le considerazioni ed i consigli di Tiziano Caprara sulla questione “convenzioni”


Da anni la Sanità integrativa è indicata come lo strumento che può aiutare i cittadini ad ottenere prestazioni sanitarie fuori dal SSN senza intaccare il proprio portafoglio ed...


Nelle scorse settimane ANDI ha ufficializzato l'accordo con una nota compagnia assicurativa per consentire agli studi dei propri associati di creare una "Rete" per intercettare i pazienti iscritti ai...


All'esito di una gara che ha visto coinvolte le principali compagnie assicurative operative nel settore malattia, Confimi Impresa Meccanica, FIM - CISL e UILM - UIL, hanno identificato RBM Salute, la...


Per il dott. Caprara, il punto principale è capire quale può essere il nostro obiettivo e quale la nostra sfera di influenza


Mentre l’Unione Europea lavora per un Green Deal europeo per trasformare l’economia dell’Unione in un modello moderno ed efficiente sotto il profilo della sostenibilità, le...

di Norberto Maccagno


“Rendiamo cool l’armonia e la naturalezza. Il BTX Bar® Italia vuole rendere popolare quello che i nostri antenati non sono riusciti a trasmettere. Il BTX Bar® Italia è...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Immagine di repertorio

Scoperto uno studio gestito da un diplomato odontotecnico che avrebbe effettuato, abusivamente, interventi odontoiatrici ed ortodontici direttamente su pazienti


Il professionista non aveva rinnovato l’iscrizione all’Ordine dal 2022. Di Marco (Albo igienisti dentali): l’iscrizione all’Albo è un requisito indispensabile per poter esercitare


L’ENPAM ha attivato un servizio di deleghe online per permettere a commercialisti, consulenti del lavoro e altri professionisti di agire per conto dei loro clienti medici e odontoiatri. La delega...


Anche all’interno dello studio odontoiatrico l’igienista dentale può operare solo se è presente un odontoiatra abilitato


Grazie a questo articolo di Odontoiatria33 ho letto con piacere che una tra le più illuminate società scientifiche italiane, ovvero la Società italiana di parodontologia e...

di Massimo Gagliani


La guida degli esperti sulla connessione tra salute orale e salute neurologica: ecco perché lavarsi i denti è un’abitudine essenziale


Corsi per ortodonzia estetica e tecniche chirurgiche avanzate, ma anche per la gestione aziendale, il marketing digitale e l’intelligenza artificiale applicata all’odontoiatria


Restituito il sorriso a 800 ragazzi attraverso 6000 prestazioni. Nove gli ospiti che hanno potuto frequentare la scuola di odontotecnica 


L’Ordine dei dentisti spagnoli indica alcuni semplici consigli che potrebbero essere utile trasferire ai pazienti prima delle vacanze estive


Presto in commercio il primo spray nasale di adrenalina in caso di shock anafilattico potenzialmente mortale nei soggetti allergici gravi


Prof.ssa Ottolenghi: una opportunità ed una sfida con l’obiettivo di consentire a tutti gli Atenei di arrivare alla scadenza del 2027/28 con lo stesso passo 


L'essiccatore a membrana ad alta efficienza per aria compressa di altissima qualità rappresenta un significativo passo avanti nell'affidabilità dei sistemi di compressori per...


La giurisprudenza sottolinea l'importanza di una documentazione clinica completa e accurata non solo per il trattamento del paziente, ma anche per la tutela legale degli operatori sanitari


Ad Udine 4 posti a tempo indeterminato, le domande entro il 10 agosto. A Napoli 4 posti a tempo pieno ma per 12 mesi, domande entro il 24 luglio


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi