HOME - DiDomenica
 
 
03 Giugno 2018

Giurin giuretta, fidati, sono davvero un medico, parola di Lupetto

Norberto Maccagno

Forse il certificato che fa più sorridere e che conferma la rigidità e l’ottusità della burocrazia è il “certificato di esistenza in vita”. Poi sappiamo che in quel certificato ci sono una serie di dati, anagrafici e non, che servono per espletare delle pratiche anche importanti, ma quando viene richiesto lo sguardo incredulo del cittadino è eloquente …  ma come in vita, non basta essere sopravvissuto ad ore di coda per presentarmi  allo sportello per certificare che esisto?

Nonostante questo certificato sia ancora richiesto, dalle prime riforme portate dalla legge Bassanini, lo Stato si è evoluto, ha dimostrato di fidarsi di noi cittadini e per molti documenti e pratiche oggi basta un’autocertificazione. Una firma a garanzia che le informazioni che vengono inserite nel modulo, nella dichiarazione, nella richiesta sono vere e niente più code allo sportello, fogli, timbri, marche da bollo, sbattimenti.

Chiedo, autocertifico e poi lo Stato se ha qualche dubbio mi contatta, altrimenti via libera. Ovviamente se dichiaro il falso è un reato punibile con l’arresto da tre mesi a due anni. Giustamente lo Stato si fida ma se sgarro non ha “pietà”, se la lega al dito.

Ma per sanzionare si dovrebbe controllare, e per alcuni uffici sembra sia scortese farlo.

Almeno a questo sembrano aver pensato gli incaricati dell’ASL Milanese che si sono visti recapitare la domanda di un centro odontoiatrico organizzato come Società in Accomandita Semplice che richiedeva l’autorizzazione sanitaria per poter aprire. Come da prassi avranno verificato i locali, che tutta la documentazione fosse compilate corettamente, che ci fossero tutti i documenti necessari e l’autocertificazione che certifica che la persona incaricata come direttore sanitario è un medico odontoiatria laureato, abilitato ed iscritto all’Ordine. Un documento in questo caso necessario perché il centro odontoiatrico è di proprietà non di un dentista ma di un imprenditore.

E certamente la documentazione sarà stata impeccabile, presentata in modo perfetto, ordinato, talmente chiaro che gli impiegati si saranno detti: ma perché devo verificare, si vede chiaramente che è tutto in regola, perché devo mandare una comunicazione all’Ordine per chiedere se veramente quel direttore sanitario è un medico o dentista, perché devo perdere tempo per andare sul sito della Fnomceo, inserire nome e cognome nel form di ricerca anagrafica. Con tutto quello che abbiamo da fare.

Così anni dopo aver ricevuto con l’autorizzazione sanitaria la possibilità di curare le persone, capita che un paziente si lamenta, denuncia lo studio ai Nas perché quel dentista che lo ha curato non sembra tanto bravo, anzi gli ha causato danni. I Nas fanno una verifica sul posto e trovano il titolare della SaS mentre cura un pazienta al posto di un dentista abilitato.

Si rivolgono poi al direttore sanitario che avrebbe dovuto verificare che nello studio lavoravano solo veri dentisti ma scoprono che neppure il direttore sanitario è abilitato. Il direttore si giustifica dicendo che non sapeva chi curasse i pazienti e che lui le mani in bocca non le ha mai messe a nessuno e peraltro, in quello studio, non ci aveva neppure quasi mai messo "i piedi".

La vicenda finisce in tribunale, il finto direttore sanitario viene condannato per concorso in esercizio abusivo della professione, fa ricorso ma viene ancora condannato perché nella sua veste di direttore sanitario (anche se finto) avrebbe dovuto controllare e quindi è responsabile comunque.

Che invece abbia dichiarato il falso spacciandosi per medico e che nessuno abbia mai controllato se veramente lo era, invece non sembra fregare nulla a nessuno. Non ci risulta che i Nas lo abbiamo denunciato anche per questo reato e quindi, il giudice, lo ha condannato solo per il reato contestato.

Secondo un’inchiesta condotta da Odontoiatria33, nella provincia di Milano sono oltre 600 gli studi odontoiatrici organizzati in società che necessitano di autorizzazione e di un direttore sanitario. Il caso che abbiamo riportato sarà stato l’unico, è un fatto isolato conseguenza della “disorganizzata e poco efficiente” Milano, nel resto d’Italia tutti dichiarano solo il vero?  

Articoli correlati

La CAO di Roma indica come comportarsi. Pollifrone: la nuova norma sarà anche l’occasione per meglio censire i direttori sanitari operanti sul territorio


Approvata in via definitiva la Legge europea 2019-2020. Ecco come cambiano gli adempimenti per il direttore sanitario


CAO Milano fornisce chiarimenti su compiti e responsabilità di verifica e sul ruolo del Direttore sanitario qualora venga a conoscenza che un collaboratore della struttura non è vaccinato


Maggiore collaborazione e dialogo tra le OMCeO coinvolte ed attenzione sui tempi che dovrebbero rimanere entro i trenta giorni


Approvato un emendamento alla Legge che armonizza una serie di norme italiane a quelle europee. Ora il provvedimento passa al Sentato per l’approvazione definitiva. Soddisfatta ANCOD


Altri Articoli

Nel primo articolo abbiamo approfondito i vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza, in questo illustriamo una sua applicazione...


Il concorso di conservativa diretta, rivolto agli studenti che frequentano il V e VI anno dei corsi di laurea in odontoiatria, è organizzato a livello internazionale da Dentsply...


Sempre più dentisti decidono di continuare l'attività anche dopo la pensione. Ma è possibile farlo mantenendo la partita iva? Ecco come fare e cosa comporta 


Si è spento a 68 anni Bruno Noce, presidente CAO Rovigo. Ne dà notizia Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale


Bettina Dannewitz dà il benvenuto ai nostri lettori e li invita alla scoperta della pubblicazione dell'EFP JCP Digest. Albonetti (Edra): Una collaborazione in linea con la...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
chiudi