HOME - Igienisti Dentali
 
 
07 Settembre 2023

Alleanza terapeutica e corretti stili di vita

Per la prof.ssa Nardi è necessario dedicare maggiore attenzione all'approccio motivazionale per ottenere maggiore aderence della persona assistita alle terapie domiciliari

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


La salute del cavo orale e la salute sistemica sono legati fortemente agli stili di vita che, se non corretti, possono alzare il rischio di patologie dento-parodontali e/o sistemiche.
Una interessante revisione della letteratura sulle differenze di genere rispetto a stili di vita di I.O. ha sottolineato che gli uomini sono meno motivati ai follow-up dall’odontoiatra ed ai controlli di igiene e all’igiene domiciliare e sviluppano maggiori patologie parodontali e non solo (al 16° Congresso dell’Accademia il Chirone verranno presentati interessanti approfondimenti in tema di disparità).

Se facciamo riferimento ai differenti sondaggi prodotti in materia di igiene orale, tra cui uno recente curato da Edra, sicuramente lo spazzolino rimane lo strumento più utilizzato e riconosciuto fondamentale per l’igiene orale, ma una piccola percentuale di persone non utilizza il dentifricio, mentre ancora in pochi hanno percepito l’importanza di tenere sotto controllo il biofilm batterico negli spazi interprossimali.   Per i professionisti nasce la necessità di sottolineare quanto sia necessario il controllo meccanico del biofilm batterico nel cavo orale con l’uso di spazzolini, scovolini, fili interdentali e nettalingua e il controllo chimico con dentifrici, gel e coluttori, seguendo una scelta personalizzata e condivisa secondo il TBM

Deve essere sottolineato alla persona assistita che le indicazioni di igiene orale domiciliare sono un vero e proprio piano terapeutico, dove egli stesso è responsabile del risultato.   

Per ciò che riguarda gli stili di vita alimentari, nonostante i dati dei questionari evidenzino una conoscenza di alimenti e bibite pericolose per la salute del cavo orale, i comportamenti comunque scorretti, sono confermati dai dati epidemiologici del processo carioso.  

Tra gli stili di vita voluttuari alcol e fumo sono particolarmente legati alla salute del cavo orale.  
Dall’analisi critica dei dati presentati al World No-Tobacco Day (WNTD) 2023 – ISS 31/05/23, i fumatori di sigarette in Italia sarebbero il 20,5% della popolazione (10,5 milioni di persone). Si tratta di un calo di ben 3,7 punti percentuali e di 1,9 milioni di persone rispetto all’indagine dell’anno precedente e ai numeri riportati per il periodo 2021-22 dalla Sorveglianza PASSI (prevalenza 24,2% pari a 12,4 milioni di persone). La percentuale di fumatori nella fascia d’età 15-24aa è scesa al 17,3% nel 2023, rispetto al 21,1% del 2022 (decremento di 3,8 punti percentuali).  
Un segnale
che ci si trovi di fronte ad un fenomeno di sostituzione della sigaretta con i nuovi prodotti senza combustione, piuttosto che di iniziazione al fumo, come riscontrato anche nella recente analisi dei dati della Global Youth Tobacco Survey (GTYS). Un giovane su quattro fuma, e i percorsi antitabagici dei centri antifumo sono la soluzione più opportuna. Sul tema fumo salute orale ne avevo parlato recentemente in questo approfondimento.

Per i professionisti, ridurre quella che è l’esposizione alle sostanze tossiche generate dalla combustione del tabacco, sfruttando i nuovi prodotti senza combustione, significa almeno un contenimento del rischio. Evidenze sull’impatto dei prodotti smoke free hanno confermato la riduzione degli effetti negativi sulla salute orale.    

Queste evidenze devono far percepire ai professionisti l’esigenza di dedicare maggiore attenzione all’approccio motivazionale.
Nasce quindi la necessità di implementare la formazione degli igienisti dentali con percorsi di conoscenza della gestione della persona assistita a livello psicologico in modo da aumentare le competenze per ottenere maggiore aderence della persona assistita ai corretti stili di vita suggeriti durante la seduta di igiene orale professionale.  

La concordance su quanto la persona assistita è disposta a seguire è fondamentale per costruire una vera alleanza terapeutica per un progetto di salute del cavo orale che deve durare tutta la vita.  


Articoli correlati

La revisione narrativa della letteratura analizza il possibile legame tra assunzione di farmaci anti-psoriasi e insorgenza di malattie orali

di Lara Figini


La revisione mira ad analizzare i dati esistenti in letteratura sulla correlazione tra l’uso di droghe pesanti e l’usura dentale

di Lara Figini


Il Collegio Ufficiale dei Dentisti e Stomatologi spagnolo sottolinea come il dentista sia un professionista chiave per l'individuazione della malattia celiaca e da delle...


Un documento AIDI sulla correlazione salute orale e fumo fa il punto e suggerisce come gestire le criticità di salute orale ma anche supportare il paziente nel percorso anti fumo


Lo studio approfondisce gli effetti degli interventi per ottenere la cessazione dal fumare, compresa la consulenza e la farmacoterapia, sui parametri parodontali e gengivali nei...

di Lara Figini


Una linea di prodotti a 360 gradi per un’azione di prevenzione e trattamento quotidiano contro infiammazioni e sanguinamenti gengivali, gengiviti, stomatiti, parodontiti e afte...


La prof.ssa Nardi ricorda come la carenza di vitamina D sia stata associata a una maggiore prevalenza del rischio di parodontite e infiammazione gengivale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


La prof.ssa Nardi sollecita l’attenzione alla delicata fase del debonding, che spesso risulta essere inefficace compromettendo la salute e la luminosità dello smalto dentale e...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


I cinque effetti che il fumo può avere sulla salute generale e sulla salute orale. Punti di attenzione e consigli da condividere con i vostri pazienti.


Il rischio di sviluppare una sensibilità moderata o grave è 4 volte superiore nel gruppo placebo: lo studio pubblicato su JADA di aprile


Indicazioni per odontoiatri ed igienisti dentali ma anche per i pazienti basate sulle più recenti evidenze scientifiche


Altri Articoli

L’On. Dario Tamburrano, odontoiatra romano, è l’unico dentista italiano, e forse anche europeo, nel nuovo parlamentare europeo. Avevamo annunciato la sua elezione in questo...

di Norberto Maccagno


Chi non ha effettuato la nuova registrazione non può emettere dichiarazione di conformità per i dispositivi realizzati. E’ comunque ancora possibile registrarsi


Un diplomato odontotecnico svolgeva l’attività dell’odontoiatra, la segretaria quella di ASO. Nei guai anche un terzo soggetto che potrebbe essere il direttore sanitario


Presentato oggi durante il convegno: Odontoiatria italiana, il futuro passa per una formazione universitaria basata su intelligenza artificiale e tecnologie


Sono esclusi i liberi professionisti e gli studi associati, possono goderne le Società odontoiatriche, sia Srl che Stp. Le indicazioni dei consulenti fiscali AIO


Pressoché invariato per odontoiatria, 1585 i posti, la CAO ne aveva indicati 1200. Per i corsi in Igiene dentale il numero di posti disponibili sarà 755


L'azienda fornirà una suite di prodotti di consumo, apparecchiature e tecnologie per aiutare gli odontotecnici ad accelerare la trasformazione digitale


45 i posti disponibili, di questi il 70% riservato ai residenti. Il costo: 300 euro per i residenti, 600 euro per i non residenti. Entro il 9 agosto le domande di iscrizione


Cairo (SIdP): lavoriamo per promuovere la formazione e la sensibilizzazione verso una malattia ancora troppo sottovalutata. Ghirlanda (ANDI): solo il 30% dei dentisti è consapevole...


La prof.ssa Nardi ricorda come la carenza di vitamina D sia stata associata a una maggiore prevalenza del rischio di parodontite e infiammazione gengivale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Come ottenere 5mila euro per essere ospitati in uno dei collegi universitari accreditati. Attivo il bando ENPAM 2024


La società tedesca promuove un’odontoiatria più sostenibile, dimostrando che è possibile coniugare eccellenza tecnologica e rispetto per l'ambiente


L’Associazione dentisti americana mette in guardia i pazienti verso i soggetti che privi di abilitazione professionale propongono faccette dentali 


La selezione dei nuovi docenti AIO under 40 mette le ali. A breve saranno scelti i dieci finalisti che esporranno nel 2025 al 5° Congresso AIO Academy a Palermo


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi